Col resto di uno

Per il Corriere, che probabilmente rilancia un’agenzia di stampa altrettanto abile a far di conto, il 26 per cento equivarrebbe ad un quinto. Urge una riforma dell’esame per l’iscrizione all’albo dei giornalisti.