New Town alla cinese

Cosa fare per raggiungere il numero magico di una crescita annua del Pil dell’8 per cento? Semplice, almeno in Cina: si costruiscono città. E’ il caso di Ordos, o meglio della Nuova Ordos, nella Mongolia Interna, costruita in cinque anni per pianificazione governativa, destinata ad ospitare un milione di abitanti, e al momento deserta. Prezzi troppo alti, dicono tra gli altri gli abitanti della vecchia Ordos, agiato centro carbonifero distante una trentina di chilometri. Qualcuno ha pure comprato, nella nuova città, ma lo ha fatto per pura speculazione, in attesa che i prezzi salgano consentendo di lucrare la plusvalenza. Surreale come solo il nuovo capitalismo di stato cinese sa essere.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!