Ma noi abbiamo la pizza

La stampa italiana ha prontamente rilanciato la notizia che il Fondo Monetario Internazionale ha rivisto al rialzo le stime di crescita per il nostro paese per il 2010 ed il 2011. La revisione al rialzo è peraltro generalizzata. Non vogliamo tediarvi con tutti i caveat sulla fragilità della crescita contenuti nella survey, peraltro rilanciati anche dalla Banca d’Italia. Ciò su cui desideriamo attirare la vostra attenzione sono invece i confronti tra l’Italia ed i nostri competitor, sia a consuntivo (anni 2008 e 2009) che in chiave previsiva, per quest’anno ed il prossimo.

Come si può vedere, l’Italia era in recessione già nel 2008, unico caso (assieme al Giappone) tra i paesi sviluppati. Nel 2009, il nostro tasso di decrescita è il peggiore tra quelli del G-7 (ancora, facciamo meglio solo del Giappone). Per il 2010 e 2011 le stime di crescita (anemica e del tutto insufficiente ad impedire l’aumento della disoccupazione, vale la pena di evidenziarlo) ci vedono ultimi nel G-7.

In coda

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!