“Razzisti? No, narcisisti stupidi”

Sul prossimo numero di Rolling Stone, Matt Taibbi asfalta simbolismi, coazioni a ripetere e parole d’ordine dei di alcuni Tea Partiers: bianchi, anziani, beneficiati dal Medicare come pochi altri, cospirazionisti. Tutti ardentemente contro la spesa pubblica, tranne quella che li beneficia direttamente. Guidati da personaggi che inciampano nelle loro stesse ipocrisie e contraddizioni, come il figlio d’arte Rand Paul, che non intende avallare tagli al Medicare (da lui definito “medicina socializzata”), perché metà dei suoi pazienti sono coperti proprio dal Medicare, e in fondo “ai medici deve essere consentito vivere in modo adeguato”. Anche facendo una robusta tara di quello che afferma Taibbi, c’è ben poco da stare allegri: questi personaggi sembrano la replica agli steroidi del GOP bushiano, soprattutto nel potenziale per far esplodere il deficit. Epigoni italiani, procedere con cautela.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!