Il subprime nucleare

Dal sito del New York Times:

Anni di rinvii nel decidere sullo stoccaggio di lungo termine delle barre di combustibile nucleare altamente radioattive dei reattori stanno tornando a perseguitare le autorità giapponesi che cercano di controllare gli incendi e le esplosioni nella sinistrata centrale elettronucleare Daiichi di Fukushima.

Alcuni paesi hanno cercato di limitare il numero di barre di combustibile esausto che si accumulano negli impianti nucleari: la Germania li immagazzina in costosi sarcofaghi, ad esempio, mentre la Cina li invia in un deposito di stoccaggio nel deserto, nella provincia occidentale di Gansu. Ma il Giappone, come gli Stati Uniti, ha tenuto un numero sempre crescente di barre di combustibile esausto in piscine di stoccaggio temporaneo presso le centrali, dove possono essere custodite con gli stessi criteri di sicurezza previsti per gli impianti.

Le cifre fornite da Tokyo Electric Power giovedì mostrano che la maggior parte del pericoloso uranio nella centrale elettrica è in realtà contenuto nelle barre di combustibile esausto, non nel nucleo dei reattori. La società elettrica ha dichiarato che un totale di 11.125 barre di combustibile esausto sono immagazzinate nel sito. Si tratta di circa quattro volte il materiale radioattivo presente nel nucleo dei reattori.

Ora quelle piscine temporanee si stanno dimostrando il tallone di Achille della centrale, con l’acqua nelle piscine che è o in ebollizione o che sta spillando fuori dal contenimento, mentre gli sforzi di aggiungere altra acqua stanno venendo frustrati. Mentre le barre di combustibile esausto generano significativamente meno calore di quelle nuove, ci sono forti indicazioni che alcune barre hanno iniziato a fondersi e a rilasciare livelli estremamente elevati di radiazioni.

Alcuni lo chiamerebbero tail risk. Leggete l’intero pezzo, avrete numerosi di quelli che oggi si chiamano “elementi di riflessione”.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!