Dissociati alla nascita

Si avvicinano le elezioni e Giulio nostro, dalla fantasia ormai sempre più berlusconizzata, corre in aiuto della mamma di Batman:

«Facciamo shopping di regimi fiscali: se un regime di favore è buono in altri Paesi forse è buono anche qua. Per l’attività  finanziaria l’idea è di applicare a Milano i regimi fiscali che per esempio ci sono in Irlanda, per un tempo dato e a determinate condizioni. La bozza del decreto applicativo per l’attivazione finanziaria è pronta, andrà sul sito e sui giornali, sono benvenute critiche ed idee. Cerchiamo di fare di Milano qualcosa di più»

Ora, come sia possibile stimolare insediamenti d’imprese attraverso regimi fiscali agevolati transitori, è un mistero.

Siamo tuttavia preoccupati per gli strati di complessità fiscale aggiuntiva che le proposte di Tremonti, se realizzate, imporrebbero alle imprese finanziarie:

«Se qualcuno mi chiede qual è il sistema fiscale giusto, per le banche proporrei due aliquote: una più bassa per quelle che fanno utili facendo la banca e una più alta se fanno finanza e speculazione». Lo ha affermato il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, nell’incontro con gli industriali di Torino (Ansa, 16 febbraio 2011)

Quindi chi fa finanza a Milano, a regime, avrà tasse più basse ma anche più alte. Ci sarà un netting a pressione fiscale invariata e tanto lavoro per i fiscalisti?

Quello che ha parlato oggi è il Tremonti cattivo, s’intende. Quello buono (che poi è quello che vuole gli sgravi fiscali sulla raccolta per la Banca del Sud) ha già detto la sua. Sulla finanza, ad esempio:

«Quest’anno cresciamo all’1,1 per cento, perfettamente in linea con le previsioni del governo. Meno di altri paesi? In parte è vero, ma non dimenticatevi che in questi 10 anni alcuni paesi sono cresciuti molto, drogati dalla finanza, e oggi stanno scendendo le valli baldanzosamente percorse grazie alle carte di credito, leve finanziarie, con tutta la finanza privata» (Ansa, 16 febbraio 2011)

Non fa una piega: per arrivare a Milano, che sta in pianura, occorre scendere le valli. Meglio farlo con la finanza, cioè con carte di credito e derivati. Quanto al binomio Irlanda-finanza, è un innegabile modello, come ben sa il Tremonti buono:

«L’Irlanda ha enormi problemi non causati dal debito pubblico ma dalla finanza privata che era grande ed è crollata. L’Irlanda è il caso di un Paese relativamente piccolo – ha con una struttura economica abbastanza agricola che di colpo diventa finanziaria. Vi ricordate quanti professori hanno magnificato la tigre celtica, con il modello basato sulla finanza? La finanza è saltata perché non era fondata» (Ansa, 15 ottobre 2010)

Ma non siamo disfattisti, attendiamo (se mai avverrà) l’affissione delle novantacinque tesi tremontiane sul portale del duomo del Tesoro, poi valuteremo.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!