Pisapia il supplente e la comunicazione afasica

Oggi, in occasione dell’incidente che ha visto coinvolti due convogli della linea 2 della metropolitana milanese, il sindaco Giuliano Pisapia (ed il suo staff, immaginiamo) ha svolto una preziosa funzione di servizio, fornendo via social network informazioni tempestive e puntuali sull’evoluzione della situazione. Sfortunatamente, lo stesso non si può dire per il sito dell’Atm, l’azienda di trasporti municipali, che è rimasto silente praticamente per tutta la durata dell’emergenza, oltre ad essere stato fortemente rallentato dagli accessi di utenti alla ricerca di informazioni. La prima comunicazione di Atm sull’incidente è comparsa oltre un’ora dopo, alle 11.47, mandando in crash il sito.

Bene quindi il plauso a Pisapia, che ha già cominciato a scrosciare in rete per opera dei soliti noti maestri di spinning istituzionale, ma non è comunque accettabile che il sito della maggiore azienda di mobilità pubblica urbana milanese resti in queste condizioni catatoniche ed inutilizzabili. E pensate: tutto ciò malgrado Atm, ai tempi della giunta Moratti, si sia avvalsa della preziosissima opera di uno dei maggiori esperti di comunicazione sulla piazza milanese. Quel Roberto Poletti, già parlamentare dei Verdi di Pecoraro Scanio ed attualmente inviato presso la ‘ggente di Quinta Colonna, il programma nazionalpopolare di “informazione” ed “approfondimento” di Retequattro, da quest’anno condotto dal fu ideologo di Forza Italia, Paolo Del Debbio, che vi compare con la stessa allure di un passante travolto dalla calca.

Evidentemente, la preziosa (e costosa) consulenza di Poletti ad Atm, in termini di comunicazione “integrata”, non è riuscita a lasciare il segno. Ma oggi, dopo lo spoil system, chi sonnecchia su quel sito, sindaco Pisapia?

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!