La Danimarca cancella la Fat Tax

Dopo solo un anno, i legislatori danesi cancellano la Fat Tax sui grassi saturi, con la motivazione che il balzello sarebbe dannoso ad aziende e potere d’acquisto dei consumatori. Al contempo, il ministro delle Finanze ha annunciato la volontà di cancellare anche i piani per introdurre la Sugar Tax. La fat tax danese era congegnata in modo macchinoso e disfunzionale, come avevamo segnalato tempo addietro, basata com’era sul principio nutritivo, a tutti gli alimenti contenenti più del 2,3 per cento di grassi.

Il risultato, del tutto prevedibile, è stato che i danesi andavano a comprare burro e gelati (spesso prodotti in Danimarca) in Germania e Svezia, per risparmiare. Qualcosa da spiegare ai nostri vendicatori fiscali alle vongole, convinti che capitali e consumatori attendano a piè fermo di ricevere la piattonata sui denti e ringraziare. Anche così, comunque, la fat tax ha prodotto un gettito equivalente a oltre 200 milioni di dollari, che ora saranno sostituiti da “un piccolo aumento delle imposte sul reddito” e dalla eliminazione di deduzioni e detrazioni. Vi ricorda nulla, quest’ultima misura? E’ il nuovo trend del fisco in giro per il mondo, Stati Uniti compresi. Assediati dal debito, assediati dal fisco.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!