Comunisti al 35 per cento

«Il programma del Pd è praticamente privo di numeri e le proposte che via via sono maturate sono imbarazzanti. Per esempio quella sull’Imu, che prevede un vero e proprio esproprio proletario per i ceti medi. Oppure l’eliminazione dei ticket sanitari per le visite specialistiche. Loro propongono tardivamente, non spiegano, non giustificano, mentre chiedono ossessivamente conto a Berlusconi. Evidentemente sono i comunisti di sempre. La volpe perde il pelo ma non il vizio»- Renato Brunetta, 22 febbraio 2013

«Diciamo le cose come stanno: il programma di politica economica del Pdl e del Pd è assolutamente sovrapponibile. E’ questa la chiave di tutto, il resto sono chiacchiere e Bersani non provi a far melina». Lo afferma il capogruppo Pdl alla Camera Renato Brunetta, in un’intervista a La Stampa. Secondo l’ex ministro per i due programmi c’è «una sovrapposizione del 65%» anche perché, ricorda Brunetta, «io e Fassina (responsabile economico del Pd ndr) sulle questioni economiche la pensiamo allo stesso modo» (Ansa, 25 marzo 2013)

Politica, l’arte del possibile. Ad uso di ubriachi e soggetti privi di memoria di breve termine.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!