Numeri sotto tortura

Oggi è il giorno di nascita del portale passodopopasso, che servirà a Matteo Renzi per vendere pentolame online mostrare ai cittadini lo stato di avanzamento del programma dei mille giorni. Mentre attendiamo che quei mille giorni, verosimilmente di calendario, si volgano in lavorativi, e che vengano identificate le fattispecie interruttive di tale countdown (sino alla prescrizione, immaginiamo, Silvio-style), vi segnaliamo una perla degli psico-successi governativi, little by little.

E’ questa. Prezioso, vero? Certo, è un piccolo progresso, ma appunto si procede passodopopasso. E perché da febbraio e non da inizio anno, diranno i miei piccoli lettori? Forse perché il mese di gennaio forniva un dato sfavorevole per il raffronto? D’acchito si direbbe di no, anzi: usare il dato di gennaio avrebbe aumentato la creazione totale di occupazione nel 2014, ed anche il dato di dicembre 2013 avrebbe mostrato cose simili.

Oppure perché è a febbraio che Renzi è entrato a Palazzo Chigi? Forse questo ma se le cose stanno in questi termini, questo fattoide del nuovo sito suggerisce in modo neppure troppo subliminale che l’economia italiana ha svoltato nel preciso momento in cui Renzi ha messo le mani sul timone. Perché la fiducia è tutto, nella vita. E ovviamente, ragionando in questi termini, l’impatto degli 80 euro sui consumi non può certo vedersi a soli tre mesi dall’arrivo, giusto? Interessante asimmetria, davvero. Dallo sprint alla maratona, à la carte, ad usum gonzini. Silvio, sei morto e sepolto: il tuo Contratto con gli italiani è pura paccottiglia, rispetto ad un programma dei mille giorni che entra in scena 180 giorni dopo l’insediamento di un governo che, secondo il suo stesso suggerimento subliminale, ha iniziato da subito a dare il famoso shock positivo al paese.

I numeri, sotto tortura, confessano ogni cosa. Per arrivare a confessare la propria disonestà intellettuale, invece, servono ben altri sforzi. Giova ribadire quanto già detto: questo modo assai dozzinale di fare propaganda finirà con l’impiccare il premier all’albero maestro, quando la realtà presenterà il conto. A meno che la nota innumeracy degli italiani non lo soccorra.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!