Home » Adotta Un Neurone » Sapelli, il dichiaratore sdegnato

Sapelli, il dichiaratore sdegnato

In Italia abbiamo una genìa di opinionisti, intellettuali, dichiaratori compulsivi ed addetti ai livori, come li definì tempo addietro quel genio di Dago, che passa le giornate a farsi trovare da giornali e talk televisivi che chiedono loro un parere risolutivo sullo scibile umano. Il pensiero corre immediato a Giulio Tremonti ma non si deve scordare un altro Giulio, ancor più vulcanico e scultore della certezza dell’immortale “ve l’avevo detto, io”.

Parliamo di Giulio Sapelli, l’uomo che ha tutto visto e tutto intuito, che reprime a fatica il proprio sdegno per l’umana corruzione e che, all’indomani del crack di Banca Etruria, sentenziava così:

«La vicenda Boschi non c’entra nulla con la vicenda delle Banche Popolari. Ogni storia di quelle banche è una storia diversa e non ha nulla a che vedere neanche con l’ignobile abolizione del credito popolare da parte del Governo, unico in Europa a pensare provvedimenti del genere. La responsabilità di questa questione ricade interamente su Banca D’Italia. In tutti questi anni nonostante proteste e avvisi non è mai intervenuta. E quando lo ha fatto non ha mai trovato nulla. Chi conosce gli uffici di controllo di Banca d’Italia come me non può certo stupirsi che le cose siano andate così. E il motivo è semplice: sono uffici senza competenze» (Vita, 18 dicembre 2015)

E oggi, intervistato dalla Gazzetta di Modena e Reggio, ci illumina:

«Qui ci troviamo, invece, di fronte a un palese attacco politico con l’obiettivo di oscurare i problemi del nucleo dirigente renziano con le vicende delle banche toscane travolte dal crack»

Solo i cretini non cambiano mai idea. E Sapelli è notoriamente un genio, lo abbiamo riconosciuto da tempo. Un altro giro di giostra per la nostra dichiarazia, prego.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.
Per donare con PayPal, clicca qui, non serve registrazione. Oppure, richiedi il codice IBAN. Vuoi usare la carta di credito per donazioni una tantum o ricorrenti? O preferisci donare bitcoin? Ora puoi!

Share via
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend