Il settimanale – 16/3/2019

  • La farsa prosegue: gli “specialisti” precari destinati a trovare lavoro ad altri vengono sostituiti dai ripescati da graduatorie di concorsi non specifici al ruolo;
  • Il passaggio della cometa di Halley non è (ancora) diventato elemento di congruità per le offerte di lavoro nel reddito di cittadinanza, ma ci stiamo attrezzando;
  • Dietro il forte aumento del debito pubblico dei paesi “pre-emergenti” c’è anche l’ombra lunga della Belt & Road cinese: il caso del Montenegro;
  • Ma i nostri eroi stanno per firmare il celebre memorandum con la Cina, un’iniziativa molto italiana, mentre spunta l’ennesimo gemello: quello del sottosegretario Geraci;
  • L’eterno ritorno del fallimento italiano: accelerare gli imprescindibili investimenti pubblici nominando uno zar per l’ordinaria emergenza, come ai tempi di Silvio;
  • Una modesta proposta di riduzione del danno delle cosiddette politiche industriali all’italiana;
  • Tra le quali merita un posto d’onore la tassa chiamata Alitalia, la cui storia verrà insegnata nelle peggiori business school di Caracas;
  • Nelle stesse business school verrà anche insegnata l’ultima levata d’ingegno della Lega: incenerire il valore economico dei marchi;
  • Ribadiamolo: in Italia sono state fatte moltissime privatizzazioni;

I nostri politici tendono ad avere grandi visioni, praticamente delle allucinazioni:

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!