In morte di un arcitaliano

La morte di Giorgio Bocca ha provocato i soliti pesanti riflessi condizionati, la cui eco è stata amplificata dalla rarefazione natalizia di notizie. Un grande, il nostro maestro, l’uomo che aveva capito tutto dell’Italia e degli italiani, spinto da una irrefrenabile passione civile, un fedele cronista della nostra epoca, e quant’altro. Al netto del cordoglio, ci permettiamo di dissentire.

Bar Sport Bocca: la saga continua

Con cosa intendeva finanziare le grandi opere, risanare la finanza pubblica, presentarsi all’Europa con i conti in ordine, aumentare le pensioni, fermare il carovita, rilanciare la ricerca, sanare le industrie in crisi, fermare lo sfacelo del Mezzogiorno, fermare la fuga dei cervelli, la delocazione delle industrie, il moltiplicarsi dei crack finanziari? L’Espresso, 22 aprile 2005 Ottima domanda. La giriamo all’Unione, …

Leggi tutto

On the road again

Le nuove avventure di Bocca Giorgio, partigiano antisemita Sant’Anna di Stazzema – Domenica 13 marzo 2005 MANIFESTAZIONE NAZIONALE IERI IN ITALIA, OGGI IN IRAQ STESSI I CRIMINI, STESSA LA RESISTENZA Il 12 agosto 1944, a Sant’Anna di Stazzema, 4 compagnie di SS comandate dal maggiore Walter Reder e spalleggiate dalle autorità fasciste e collaborazioniste italiane, trucidarono 560 persone innocenti. Fu …

Leggi tutto

Bar Sport

Giorgio Bocca O della triste parabola discendente di una delle firme più prestigiose dello scorso secolo. Resistere, resistere, resistere – “I veri resistenti in Iraq sono quelli che resistono (Monsieur De Lapalisse, ndr.) , caro Fassino, non quelli che la pensano come noi, i ricchi della Terra che, gira e rigira, la pensiamo come gli americani. Dire che i veri …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend