Politica, l’arte di perdere la faccia

Mentre i Repubblicani americani proseguono nella loro perseverazione (in senso psichiatrico), votando e rivotando una rimozione purchessia dell’Obamacare (nelle versioni, repeal, skinny repeal, repeal & replace), mostrando di aver perso la testa oltre che il senso del ridicolo, ieri i vertici di quel povero partito hanno annunciato la morte anche della Border Adjustment Tax (BAT), partorita dalla fertile mente di …

Leggi tutto

Giovanardi d’America

Raggiunto l’accordo di massima per il prolungamento a tutto il 2012 della riduzione di due punti percentuali della payroll tax a carico del lavoratore, in scadenza a inizio marzo. Sono circa 40 dollari a settimana in più nelle tasche della famiglia media statunitense. La cosa più interessante è che i Repubblicani hanno fatto cadere la pregiudiziale che l’intervento venisse finanziato …

Leggi tutto

Il debito della supply side

Al netto di una retorica patriottica che fa molto old fashion (ma che nondimeno qualche fondamento lo ha), un video che mostra l’espansione del debito in valore assoluto e rispetto al Pil in coincidenza con l’affermarsi di politiche supply-side, più precisamente quelle che affermano che tagli di tasse in deficit si ripagano con la crescita.

Il vero Iraq di Obama è la disoccupazione

di Mario Seminerio – Linkiesta Non bastasse una situazione internazionale infuocata, il Presidente degli Stati Uniti si trova a fronteggiare una situazione economica interna davvero complicata. A dicembre ha ottenuto il via libera dei Repubblicani ad un allungamento dei sussidi per la disoccupazione, in cambio di esenzioni fiscali fatte da Bush e ora confermate. Il risultato è un deficit aggiuntivo …

Leggi tutto

Il bushismo è sempre tra noi

Mentre arriva la notizia che il caucus democratico sarebbe stato colto da violenti mal di pancia per l’accordo fiscale tra Obama e Repubblicani, che regalerà all’America altri 900 miliardi di dollari di debito per il prossimo biennio, pare proprio che lo spirito di Dubya continui ad aleggiare sugli scassatissimi conti pubblici americani, anche nella nuova luminosa era del conservatorismo fiscale, …

Leggi tutto

Obama si arrende ai tagli fiscali per i più ricchi

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano La Casa Bianca ed i Repubblicani hanno raggiunto un accordo per prorogare di un biennio i tagli d’imposta decisi da George W.Bush e che sarebbero scaduti a fine dicembre. Come noto, Obama intendeva rendere definitivi i tagli d’imposta solo per i contribuenti con imponibile inferiore a 250.000 dollari annui, mentre i Repubblicani avevano …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend