Fino a quando?

L’Irlanda annuncia una manovra pluriennale aggiuntiva per centrare nel 2014 l’obiettivo di un rapporto deficit-Pil del 3 per cento, dopo le devastazioni inflitte al bilancio pubblico da banche sommerse da attivi tossici in un crescendo di svalutazioni che ricorda il climax de l’Apprendista Stregone; il governo di minoranza portoghese, guidato dal socialista José Socrates annuncia una manovra aggiuntiva, basata sull’aumento …

Leggi tutto

Dublino, Islanda

Un articolo di Robert Peston sul sito della BBC fornisce alcuni numeri che dovrebbero togliere il sonno. L’esposizione totale delle banche estere all’economia irlandese è pari a 844 miliardi di dollari, cioè 5 volte il Pil del paese. I maggiori creditori esteri sono le banche tedesche e inglesi, che hanno rispettivamente 206 e 244 miliardi di esposizione al sistema bancario …

Leggi tutto

Dublino, Grecia

Dopo la Tragedia Greca, l’Isola Verde Miseria. Dopo l’esplosione dei credit default swap e del differenziale tra titoli di stato irlandesi e Bund tedeschi, la sequenza verso il remake dell’eurodramma prevede la presa di posizione del politico di turno, angosciato da speculazione e complotti.

Codice rosso anche a Lisbona e Dublino

di Mario Seminerio – Il Secolo d’Italia La turbolenza delle ultime settimane sui mercati finanziari, con il forte aumento dei rendimenti sui titoli pubblici e del premio richiesto per assicurarsi in caso di default sovrano della Grecia, ha innescato un prevedibile effetto di contagio su scala europea. La Commissione europea ha approvato il piano di consolidamento fiscale del governo ellenico, …

Leggi tutto

Dopo la crisi: per la sostenibilità fiscale serviranno comunque più tasse?

di Mario Seminerio – Libertiamo Mercoledì il governo irlandese ha presentato la manovra di bilancio per il 2010 del paese europeo finora più colpito dalla crisi finanziaria globale. E’ utile analizzare da vicino gli interventi previsti dal governo di Dublino perché il prossimo anno si presenta come particolarmente impegnativo per i governi, che dovranno tentare di recuperare un sentiero di …

Leggi tutto

Le tasse scomparse

Tra i tanti crolli verticali prodotti da questa crisi (commercio estero, occupazione, produzione industriale, credito), quello del gettito fiscale appare la naturale conseguenza. Neppure gli Stati Uniti sfuggono alla regola. Il deficit del bilancio federale si è ampliato in febbraio a 192,8 miliardi di dollari, secondo peggior risultato dagli inizi delle rilevazioni di questa serie storica. Nello stesso mese il …

Leggi tutto

Euro, opportunità liberista

Un interessante paper di Bruegel, il think tank di Bruxelles presieduto da Mario Monti, che ha per finalità istituzionale quella di contribuire alla qualità del policymaking economico europeo, offre interessanti prescrizioni liberiste per il nostro paese e dimostra che la moneta unica, pur con gli evidenti limiti costituiti dalla subottimalità dell’area valutaria europea, può rappresentare un’opportunità di crescita e liberalizzazione. …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamento nella tua casella email

Ecco fatto!

Oh-oh, qualcosa è andato storto! Riproviamo?

Send this to a friend