La lezione irlandese per il debito dell’Italia

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano Con la capitolazione dell’Irlanda, che riceverà aiuti da Unione europea, Fondo Monetario Internazionale e Regno Unito, si apre la seconda fase della crisi di euro-debito, dopo le misure adottate mesi addietro per isolare la Grecia dai mercati per un triennio, nell’attesa che il risanamento proceda. La radice della crisi irlandese è data dal …

Leggi tutto

Irlanda, cosa è andato storto – 2

Il governatore della banca centrale irlandese, Patrick Honohan, quasi due anni addietro aveva già perfettamente identificato le cause del crack creditizio del suo paese. Tecnocrate posto alla guida della banca centrale di Dublino interrompendo (ma solo a causa di una drammatica emergenza) una consolidata tradizione di docili esponenti del Tesoro chiamati a ricoprire quel ruolo, Honohan a inizio 2009 realizzò …

Leggi tutto

Il sangue dei vinti

Un parlamentare tedesco butta lì l’idea che, per chiudere i buchi di bilancio, l’Irlanda potrebbe alzare l’aliquota dell’imposta sulle società, oggi al 12,5 per cento. E magari la proposta potrebbe diventare una delle condizionalità di un eventuale pacchetto di aiuti Ue-FMI, visto anche il precedente commento del commissario Olli Rehn. In qual caso, guai in vista per Google, e non …

Leggi tutto

Finché default non vi separi

Un’infografica particolarmente eloquente: il valore degli investimenti in attivi irlandesi effettuati da banche europee. Le banche belghe hanno investimenti irlandesi in misura pari all’11,5 per cento del Pil di Bruxelles, quelle britanniche per quasi il 10 per cento del Pil (per effetto della vicinanza geografica e culturale tra i due paesi), ma anche le banche tedesche non scherzano, possedendo asset …

Leggi tutto

Come avverrà l’uscita dall’euro

Per quale motivo un risparmiatore dovrebbe tenere i propri fondi in un banca irlandese, quando è possibile avere un conto denominato in euro in una banca tedesca o inglese? E’ quanto si chiede Tyler Cowen sul suo blog, giungendo alla conclusione che, se l’indebitata costruzione europea dovesse collassare, i cittadini dei singoli stati membri si ritroverebbero con in mano un …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamento nella tua casella email

Ecco fatto!

Oh-oh, qualcosa è andato storto! Riproviamo?

Send this to a friend