Rave Party Italia

A riprova del fatto che questo è un paese nel pieno di un rave party della logica, oltre che della coscienza civile delle sue élites, pare che gli ispettori inviati dal ministro della Giustizia Angelino Alfano potrebbero non essere in grado di appurare se il premier Silvio Berlusconi risulti o meno iscritto nel registro degli indagati dalla procura di Trani. …

Leggi tutto

Riforme prescritte

La migliore sintesi di quanto accaduto ieri, con la pronuncia della Cassazione in merito al caso Mills, l’ha fatta CJ sul suo Twitter: Cirielli batte postdatazione del reato uno a zero. Niente tempi supplementari Vale a dire, se abbiamo ben compreso, che la legge ex Cirielli (che, tra le altre cose, riduce i termini di prescrizione) ha avuto la meglio …

Leggi tutto

Beato il paese che non ha bisogno di Gramellini

Nuovo fulminante post di Massimo Gramellini, che temiamo possa presto essere esiliato per la sua ormai incontenibile improntitudine verso l’uomo che ha bevuto l’amaro calice e ci ama tutti dal profondo, e che oggi urla il suo “basta” contro gli intralci che “dipendenti pubblici”, quali sarebbero i magistrati, frappongono alla geometrica potenza dell’amore governativo.

Una ola per Scalfari

Mentre il paese si interroga (si fa per dire, ma come incipit ci stava bene) sulle dichiarazioni di Gaspare Spatuzza al processo d’appello contro Marcello Dell’Utri, cresce con cadenza quasi giornaliera il numero di boss mafiosi assicurati alla giustizia, come si diceva un tempo. Ciò permette al ministro dell’Interno e ad altri esponenti della maggioranza di segnalare l’incoerenza tra le …

Leggi tutto

Originalismo

La legge è spesso interpretata. Non sarebbe meglio attenersi alla lettera? «Omicidio: chiunque cagiona la morte di un uomo, è punito con la reclusione non inferiore ad anni 21. E se cagioni la morte di una donna? Ai tempi della Bicamerale, nella bozza Boato c’era la proposta di vietare l’interpretazione estensiva. Se fosse passata, sarebbe stato impossibile condannare chi uccide …

Leggi tutto

Ascolto consigliato

La puntata del 6 luglio de “Il taccuino del dottor Agrò“*, di Domenico Cacopardo (scrittore, conduttore radiofonico e magistrato del Consiglio di stato), su Radio24. Sui conflitti d’interesse coessenziali alla società politica italiana, anche e soprattutto a sinistra. Strano paese, quello che ritiene non vi sia nulla da eccepire alla nomina dell’ex presidente di un partito politico all’Autorità Garante della …

Leggi tutto

Forse ci sfugge qualcosa

Avremmo voluto scrivere un post sul Csm che, come il Big Ben di Enzo Tortora a Portobello, “ha detto stop”. Avremmo voluto cercare la fonte costituzionale di questa prerogativa di veto al legislatore da parte del Consiglio Superiore della Magistratura. Avremmo quindi voluto compiere alcune riflessioni sulla grande competenza giuridica e costituzionale del nostro maggiore quotidiano, sempre così lesto a …

Leggi tutto

Vorrei ma non posso – 3

Ieri il Senato ha approvato l’emendamento Vizzini-Berselli sulla sospensione, per la durata di un anno, di alcuni processi penali relativi a fatti commessi fino al 30 giugno 2002 e “che si trovino in uno stato compreso tra la fissazione dell’udienza preliminare e la chiusura del dibattimento di primo grado”. Il provvedimento è stato ribattezzato salva-premier in quanto tra i processi …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend