Banche, lezione europea per l’America

Nel Regno Unito, il Cancelliere dello Scacchiere, Alistair Darling, illustrerà questa settimana i piani del governo britannico per il futuro del sistema bancario nazionale. Tali piani prevedono letteralmente di “fare a pezzi” le principali banche beneficiarie del salvataggio pubblico, Royal Bank of Scotland (posseduta dal governo al 70 per cento) e Lloyds Bank (pubblica al 43 per cento), e di …

Leggi tutto

La recessione britannica non è finita

Dato molto deludente, quello del Pil britannico del terzo trimestre. La variazione congiunturale è pari a meno 0,4 per cento, che equivale a circa meno 1,6 per cento annualizzato (utilizzando il criterio americano di computo), a fronte di attese ben più ottimistiche, pari ad un più 0,2 per cento. E’ il sesto trimestre consecutivo di crescita negativa del Pil, evento …

Leggi tutto

Per la serie il peggio è passato

«Se non prendiamo le  necessarie misure ora per rafforzare l’economia mondiale e mettiamo in essere le condizioni per una sostenibile crescita mondiale, affronteremo negli anni a venire una disoccupazione evitabile. (…) Non è il momento per una contrazione fiscale» Gordon Brown C’è da aggiungere che se Brown avesse attuato una contrazione fiscale quando il Pil era in crescita drogata dalla …

Leggi tutto

Regno Unito, il rischio del disastro fiscale

Lo scorso 22 aprile il Cancelliere dello Scacchiere (equivalente al ministro del Tesoro), Alistair Darling, ha presentato il bilancio annuale britannico. Il Tesoro si attende una contrazione dell’economia del 3,5 per cento quest’anno ed un rimbalzo pari all’1,25 per cento nel 2010. Stima peraltro in contrasto con quella del Fondo Monetario Internazionale, che prevede per il 2009 una calo del …

Leggi tutto

Più lo mandi giù, più ritorna su

Il rendimento del titolo di stato decennale statunitense è tornato al punto in cui era prima dell’annuncio dell’avvio del quantitative easing da parte della Fed, lo scorso dicembre. Due forze si fronteggiano: l’aspettativa che la Fed proseguirà ad acquistare Treasuries sulla parte a lunga della curva, e l’imponente aumento dell’offerta di titoli di stato necessari a finanziare le voragini che …

Leggi tutto

La mamma va al mercato…

La “nazionalizzazione” di Lloyds Bank da parte del Tesoro britannico (che ha superato la maggioranza assoluta dei diritti di voto) poggia su un calcolo piuttosto incomprensibile. Premesso che: Il Tesoro di Sua Maestà procederà alla conversione in ordinarie di 5 miliardi di sterline di azioni privilegiate, al rapporto di conversione di 38,43 pence per azione; Il governo sottoscriverà 15,6 miliardi …

Leggi tutto

Per dare la misura

Il Regno Unito è ufficialmente entrato in recessione: questa sostanzialmente inutile informazione è fornita dal dato del quarto trimestre 2008 del Pil, che si è contratto dell’1,5 per cento, dopo il meno 0,6 per cento del terzo trimestre. Naturalmente si tratta della definizione “scolastica” di recessione, perché il Regno Unito non dispone di un ente preposto a datare l’inizio di …

Leggi tutto

Regno Unito verso la nazionalizzazione del sistema finanziario

Il governo del primo ministro Gordon Brown ha ulteriormente stretto la propria presa sul sistema finanziario britannico, garantendo gli attivi tossici e conferendo alla Bank of England il potere senza precedenti di acquistare titoli a fermo. Il piano aumenterà il costo del salvataggio del sistema bancario britannico di almeno 100 miliardi di sterline. Il governo ha deciso di aumentare la …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend