Su noiseFromAmerika, Michele Boldrin riprende ed amplia l’atto di accusa di Roberto Perotti contro le modalità di assegnazione di due cattedre di ordinario all’Università di Roma Tre. I due posti, uno in diritto tributario e l’altro in economia, appaiono concessi per decisione del ministero (cioè del ministro Mariastella Gelmini), e ristretti a chi fosse già ordinario, attraverso il meccanismo del trasferimento.

Se volete avere una illustrazione molto sintetica ed altrettanto efficace dei meccanismi perversi che determinano la lievitazione del costo del personale nelle università italiane, leggete qui.

Se volete avere alcuni suggerimenti operativi sul modo di aumentare le risorse a disposizione degli atenei e della ricerca in generale, reperite il già citato libro di Alesina e Giavazzi, Goodbye Europa. Troverete, tra le altre cose, un breve elenco di ciò di cui necessita l’Europa per uscire dalla propria stagnazione, che è culturale prima che economica. Noi di seguito vi riproduciamo il punto dell’esalogo relativo ad università e ricerca: