Il Protocollo degli Stolti di Fiom

Il blocco della sinistra sociale e politica che sta gioiosamente spingendo il Belpaese verso il baratro sembra a sua volta sull’orlo di una crisi di nervi. L’antefatto è noto, ma lo riepiloghiamo. Accade che il 23 luglio governo e parti sociali firmino una bozza di accordo sulla riforma del welfare. Come sempre in questi casi, i sindacati ne subordinano la …

Leggi tutto

Piccoli bari governano

Il governo Prodi è da sempre un modello di doppiezza, cinismo ed opportunismo politico di cui sarà opportuno conservare memoria. Anche in occasione dello psicodramma collettivo noto come protocollo sul welfare la tradizione è stata rispettata. E’ accaduto che la scorsa estate governo, sindacati e Confindustria hanno raggiunto e sottoscritto un accordo su una serie di interventi che complessivamente contribuiranno …

Leggi tutto

Il nuovo welfare: strategia dell’immersione

Il governo ha varato nei giorni scorsi la riforma del Welfare. Analizziamo le principali innovazioni introdotte dalla normativa. In materia di straordinari, è stata decisa l’eliminazione della contribuzione aggiuntiva che oggi incide sullo straordinario. Oggi le aziende con più di 15 dipendenti che superano le 40 ore di lavoro devono pagare un contributo aggiuntivo del 5%. Si sale al 10% …

Leggi tutto

Welfare, una partita di giro

Secondo voi, quanti sono i cittadini tedeschi che dipendono dallo stato? Da un grande paese industrializzato, con forte vocazione all’export, ci si potrebbe attendere un numero piuttosto contenuto, nell’ordine del 20 per cento, giusto? Sbagliato. Secondo un recente studio della Bild Zeitung, che cita dati dell’Ufficio Federale di Statistica, circa il 42 per cento dei tedeschi fanno affidamento sullo stato …

Leggi tutto

Libertà, fraternità, egualitarismo

Il sintomo più evidente del malessere francese è dato dalle periodiche esplosioni di protesta. I due più recenti episodi (le sommosse urbane con incendi dello scorso autunno e la protesta studentesca contro il Contratto di Primo Impiego di questa primavera) sembrano avere poco in comune. Ma il loro comune denominatore è rappresentato da gioventù, disoccupazione ed incertezza sul futuro, oltre …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua mail

Grazie! Riceverai una mail di conferma. Ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh! Qualcosa è andato storto