Consigli per gli acquisti

Segnala Dagospia: “Si avvisano i signori naviganti che ieri Piersilvio Berlusconi era particolarmente felice per il rialzo in Borsa del 3,4% del titolo Mediaset. La performance è stata provocata da un report positivo degli analisti di Barclays, la banca inglese che dal gennaio di quest’anno controlla quasi il 5% del capitale di Mediaset. È vietato pensar male”.

A parte il fumus di un lieve conflitto d’interessi (ma non temete, le banche d’affari sono specializzate in chinese walls proprio per gestire questi problemi), questi analisti di Barclays sono colleghi di quelli che lo scorso 4 novembre, quando Moody’s declassò il merito di credito di cinque entità governative del Dubai, scrissero in una nota di ricerca:

«Raccomandiamo una posizione lunga (acquisto, ndPh.) sul credito sovrano del Dubai e vediamo l’odierno andamento negativo dei prezzi come un’opportunità di acquisto»

Ieri, una di queste entità governative del Dubai, specializzata nel finanziamento della gigantesca bolla immobiliare dell’emirato, ha proposto ai propri creditori un congelamento semestrale sulle proprie obbligazioni, emesse secondo i criteri della finanza islamica. Una mossa che porta dritto al default. Ma forse è il destino cinico e baro che si accanisce sugli analisti di Barclays. Ah, naturalmente è solo un caso che Barclays sia tra le banche più esposte al rischio-credito Dubai.

Update: da dove arriva la crisi di Dubai;

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!