Cos’hanno in comune banche e centrali nucleari?

La risposta è semplice: un’Unione europea che finga di sottoporle a stress test. Sono infatti ancora in alto mare i negoziati tra Commissione europea e paesi membri per la definizione degli eventi da considerare per testare la resistenza degli impianti nucleari ad eventi catastrofici.

In particolare, due tra i paesi più nuclearizzati, Francia e Regno Unito, si oppongono all’inclusione negli stress test di eventi quali l’impatto di un aereo con un impianto nucleare, come invece suggerito da Austria (paese che non ha centrali nucleari) e Germania. La Francia sostiene che la minaccia di un evento in stile 11 settembre non era tra quelle ipotizzate nel solenne comunicato col quale la Ue, lo scorso 25 marzo e a due settimane dalla catastrofe di Fukushima, aveva annunciato gli stress test. Evidente che Parigi punta solo su eventi sismici ed idrogeologici, rispetto ai quali ritiene di sentirsi tranquilla. Oltre al fatto che testare lo schianto di un aereo su una centrale finirebbe con mettere in decommissioning tutti i 143 impianti esistenti in Europa

Per il momento, i colloqui proseguiranno a livello di delegazione nazionale di più basso profilo, già dal meeting di Praga del 19 e 20 maggio prossimi. Nel frattempo, il presidente della Commissione, José Manuel Barroso, pare differenziarsi dal commissario all’Energia, il tedesco Guenther Oettinger, e parla solo di testare “il più ampio spettro di scenari, naturali e creati dall’uomo”.

Nel caso gli stress test producessero risultati negativi per alcuni impianti, peraltro, la decisione sull’azione da intraprendere rimarrebbe confinata in ambito nazionale. Perché, come noto, anche gli esiti di incidenti nucleari catastrofici, assieme ai migranti, verranno sottoposti a controlli doganali in deroga al Trattato di Schengen.

E quindi, fuor di sarcasmo, che attendersi? Semplice: come per le banche si è tenuto accuratamente fuori dagli stress test l’evento che per esse più si avvicina all’11 settembre (un default sovrano in Eurolandia), anche in questo caso è verosimile attendersi che nessun aereo riuscirà mai a schiantarsi su una centrale nucleare europea o, se ciò accadrà, non si andrà al di là di un ultraleggero.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!