Tafazzismo nazionalistico

Su Libero, un pezzo di Franco Bechis sotto pseudonimo di Chris Bonface ci illumina su quello che accade quando l’ignoranza economica si accoppia a forme di nazionalismo straccione. L’occasione ci è fornita dalla bizzarra idea di Nicolas Sarkozy di assoggettare a patrimoniale a mezzo di cedolare secca del 20 per cento le seconde case dei non residenti in Francia, per compensare l’ammorbidimento della Impôt de solidarité sur la fortune. E qui il nostro Bonface-Bechis si entusiasma, suggerendo che l’Italia faccia lo stesso, per “fottere” anche gli inglesi e le loro dimore nel Chiantishire.

A Bechis-Bonface un consiglio: non è che se Sarkozy si spara nei gioielli noi dobbiamo imitarlo. E comunque, guardare alla Francia non serve: basta ricordare che il nostro federalismo municipale prossimo venturo, fortemente voluto dai giureconsulti leghisti, prevede esattamente una patrimoniale sulle abitazioni dei non residenti, di lusso e no. Anche qui, ammesso di vedere quel giorno, arriveremo a rapidi dietrofront, perché disincentivare l’acquisto di immobili da parte di non residenti (che sembrano non votare, ma in realtà votano col portafoglio) tende a deprimere l’economia delle zone interessate, con ricadute sui consumi degli indigeni, i quali pare che votino, ed anch’essi col portafoglio. Tutto si tiene, cari amici, ed il provincialismo nazionalistico di Bechis dimostra solo quanto l’ignoranza economica sia radicata in questo paese.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!