Dall’Imu all’etilometro, via accise

“Abrogheremo l’Imu sulla prima casa nel primo consiglio dei ministri”. Lo ha detto Silvio Berlusconi in un’intervista alla tv Class Cnbc.
La copertura che, ha spiegato l’ex premier, ammonta a 3,8 miliardi “sarà trovata agendo su piccolo aumento delle imposte su lotto e sui nuovi giochi, sulla produzione di birra e alcol etilico, sugli aiuti che si danno in ordine sparso alle imprese e su un piccolo aumento della tassa di imbarco”.
“Ai Comuni – ha assicurato – sarà dato tutto ciò che a loro non verrà” dall’incasso dell’Imu.

Come si può notare, nessun riferimento alla dinamica della spesa pubblica: la copertura di questa manovra “rivoluzionaria”, che ha ormai sostituito l’eliminazione dell’Irap perché siamo ormai in un altro millennio ed i temi vanno opportunamente adeguati, deriverebbe interamente dal lato delle entrate. Ancora nulla sulla abrogazione del bollo auto ma siamo fiduciosi che a giorni ci sarà pure quella, magari finanziata da un aumento della fiscalità sui preservativi, per unire l’utile al dilettevole ed ottenere punti-bonus in altre Sedi, rigorosamente con la maiuscola. Richiamiamo alla vostra attenzione il fatto che, per rimuovere una imposta che grava sulle famiglie (l’Imu), verrebbero colpite le imprese.

Ricordate: non andate verso la cupa luce emanata da questa entità riemersa dalle tenebre o vi perderete, ed i vostri figli ed i loro figli vi malediranno.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!