Il bimbo e Spiderman

La performance di ieri sera di Beppe Grillo da Bruno Vespa segna il momento più alto della parabola di un paese. Da qui possiamo solo scendere. O meglio, tentare di volare.

Diciamo subito che i “testi” di Grillo sono sempre quelli: lo Straniero che si sta comprando le aziende italiane (salvo dire che staranno tentando di distruggerci quando inizieranno a grandinare vendite sui mercati, come visto nei giorni scorsi); le assicurazioni che si compreranno i litorali dell’Adriatico; oscuri (e deformi, immaginiamo) gnomi della Commissione europea che scavano nei sotterranei degli Uffizi mentre fanno l’inventario del bottino di guerra; ci ruberanno l’acqua facendocela pagare con una scheda prepagata; dagli a Berlusconi che vuole dare dentiere agli anziani mentre Grillo oltre che a Hitler è avanti anche a Silvio, avendo già previsto dei “centri pubblici” dotati delle ormai leggendarie stampanti 3D con cui creare di tutto, dalla dentiera medesima al catamarano; la necessità di pagare il reddito di cittadinanza a tutti perché la tecnologia distrugge lavoro, non lo crea (qui potrebbe anche esserci del vero, in transizione); coprire buchi di bilancio miliardari e ricorrenti con alcuni milioni di euro, per lo più una tantum e tolti alla Ka$ta; puntare sulle rinnovabili come ha fatto lui, che vendeva all’Enel la sua autoproduzione eccedentaria, strapagata grazie a sussidi che hanno finito col massacrare le bollette degli italiani; mettere dazi agli altri, sperando che gli altri non li mettano a noi; e tante, tante altre fantasmagoriche esternazioni, in un dimenarsi del corpo ed un berciare e sgranare gli occhi che fanno anche simpatia per il nobile e puntuto mestiere di giullare come vero “cane da guardia” contro il Potere, che tanto bene Dario Fo ha rappresentato lungo i decenni.

La cifra artistica della genialità di Grillo consiste proprio nell’aver definitivamente rottamato (anzi annichilito, vaporizzato, atomizzato) il concetto di fact checking in un paese che semplicemente non ha gli strumenti per discernere il vero dal verosimile, oltre ad essere economicamente analfabeta e possedere una genetica avversione all’assunzione di responsabilità individuale e di comunità, che porta a cercare e trovare ogni volta il nemico esterno che complotta più o meno nell’ombra.

Per molti aspetti, Grillo appare la prosecuzione del berlusconismo con altri mezzi, decisamente “oltre”: più cupo, anche se ora pare stia virando verso un messaggio di speranza, ma sempre proteso all’iperbole, a presentare un futuro radioso contro ogni evidenza, logica e probabilità. La grande sorgente di pensiero magico a cui attinge lo stesso Renzi (quando tenta di sollevarsi da terra tirandosi per le stringhe degli 80 euro, o della creazione di occupazione a mezzo del Jobs Act), pur con la variazione sul tema del “buon amministratore”, del “sindaco d’Italia”, di chi cerca di dare una speranza ricorrendo a messaggi spesso molto fantasiosi ma senza toccare lo zenit di surrealismo grilliano.

Che accadrà, ora? L’aspetto più affascinante del grillismo è che appare come una gigantesca rete a strascico per intercettare tutto l’enorme coagulo di frustrazioni, angoscia e rabbia di parte della popolazione. E’ ormai la riproposizione agli steroidi della celeberrima scena del film Quinto Potere. Cercare di fare analisi razionali o anche solo debunking, di fronte al messaggio di Grillo, è puramente irrazionale oltre che inane. Il M5S, ove mai entrasse nella stanza dei bottoni, sarebbe disintegrato in pochi giorni dalla realtà (in caso tentasse di applicare i suoi stralunati precetti), oppure subirebbe una mutazione genetica di “normalizzazione” ed “omologazione” che porterebbe allo stesso esito di dissoluzione, in una sorta di gigantesco modello-Parma. E forse questo è il destino italiano: avvicinarsi al collasso finale (che non è detto abbia in grembo la catarsi) in un climax di febbricitante luddismo, ipergiustizialismo, riscatto a mezzo di fuga dalla realtà. Questo sembra essere il ruolo “terapeutico” attuale del M5S. Una terapia che ben si attaglia ad un paese in condizione pre-terminale, come il nostro.

L’immagine che ricaviamo, dal rapporto tra il M5S ed il suo elettorato, effettivo e potenziale, ci ricorda molto quella del bimbo che, dopo aver visto in televisione Spiderman, ed essendone rimasto rapito, cerca di imitarlo. Volando dall’ottavo piano.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!