In debito con la realtà

Ieri Bloomberg ha pubblicato i risultati di una simulazione sul rapporto debito-Pil del nostro paese non particolarmente rassicuranti. Tutto poggia sul famoso numero del deflatore del Pil 2016, che l’esecutivo vede in crescita all’1%, contro lo 0,3% previsto per quest’anno. Potrebbe trattarsi di stima ottimistica, visto il quadro economico globale.

Come vi abbiamo segnalato più volte, il dato fondamentale per valutare come potrà evolvere il rapporto debito-Pil è quello della crescita del Pil nominale, che va confrontato a quello del costo medio del debito per determinare, per un dato rapporto debito-Pil, l’ampiezza dell’avanzo primario necessario a piegare tale quoziente. Il problema italiano, come per ogni grande debitore, è la disinflazione/deflazione, come noto. In un quadro globale come l’attuale, con rischi recessivi che originano dai paesi emergenti, e con il prezzo del greggio e delle altre materie prime sotto pressione, l’andamento dei prezzi resta piuttosto depresso.

Secondo la simulazione di Bloomberg, un deflatore del Pil stabile a +0,3% spingerebbe il rapporto debito-Pil italiano il prossimo anno al 134%, ben superiore al 131,4% previsto da Renzi e Padoan. Che questo rapporto appaia a rischio, ve lo abbiamo segnalato da subito, così come è a rischio l’imponente progressione di avanzi primari prevista nel DEF da qui al 2018. E se viene meno quella, oltre al tasso di crescita del Pil nominale, siamo nei guai con l’indebitamento, che è il punto di massima vulnerabilità di questo paese, in termini di sostenibilità. In alternativa ci restano sempre nuove imposte patrimoniali.

Nelle ultime settimane si è fatto strada il convincimento che la ripresa dell’Eurozona possa centrarsi sulla domanda domestica anziché sull’export, e che il settore dei servizi compensi la frenata della manifattura. Può essere. I prossimi mesi diranno se questo scenario è realistico, soprattutto per il nostro paese. Fermo restando che tra poco più di due settimane ci presenteremo a Bruxelles con una legge di Stabilità molto lasca. Dovendo scommettere due centesimi, vediamo piuttosto improbabile l’accoglimento delle nostre richieste. In quel caso, occhio alle coperture di emergenza.

Bestseller
Garmin HRM-Dual - Fascia Cardio Premium ANT+ e Bluetooth BLE, Nero, One Size
  • Garmin premium cardiofrequenzimetro fascia toracica trasmette dati in tempo reale di frequenza cardiaca tramite bluetooth low energy e ant+
  • Durata della batteria: circa 3,5 anni (con uso medio di 1 ora al giorno)

Ultimo aggiornamento 2021-01-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Nel frattempo, se siete renziani e patrioti, potete gridare all’ingerenza antidemocratica di fronte alle previsioni (riviste al rialzo ma non “abbastanza”) delle agenzie di rating sulla nostra crescita. Passano gli anni, ma i riflessi pavloviani dei credenti di turno non cambiano. Che noia, che barba.

//platform.twitter.com/widgets.js

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.
  • Per donare con PayPal, clicca qui. Oppure, richiedi il codice IBAN. Vuoi usare la carta di credito per donazioni una tantum o ricorrenti? O preferisci donare bitcoin? Ora puoi!
  • Share via
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
    Send this to a friend