Giocarsi la pelle. Altrui

Gli anglosassoni lo chiamano, molto evocativamente, “skin in the game“: indica legare il proprio destino a qualcosa che si è creato e si sta gestendo. Nel caso dei manager, ad esempio, si tratta della componente retributiva variabile, che in astratto dovrebbe essere legata ai risultati aziendali. La realtà sta ovviamente altrove visto che spesso, quando non arrivano i risultati aziendali, i compensation commitee si trasformano in creativi esperti di bonus geneticamente modificati e riescono a mantenere o accrescere gli importi trasformando il variabile da performance a retention, cioè “è talmente bravo che non possiamo permetterci di perderlo, paghiamolo anche se ha bucato le previsioni del piano industriale”.

Un differente modo di avere “skin in the game” è il cosiddetto internal dealing: cioè l’acquisto su base volontaria di azioni da parte di dirigenti apicali, procedura regolata in tutti i paesi civili o sedicenti tali attraverso opportune comunicazioni, e da cui analisti ed osservatori cercano di trarre inferenze sullo stato dell’azienda. Oggi leggiamo sul Sole, a firma di Fabio Pavesi che l’ex dominus di Veneto Banca, Vincenzo Consoli, da evidenze dell’ufficio soci a marzo 2016 risultava titolare di sole mille azioni, su cui ha perso solo 39 mila euro. Come scrive Pavesi,

«Per uno che guadagnava in media 9oo mila euro lordi l’anno e che ha un contenzioso aperto per 3,5 milioni della sua fuoriuscita non riconosciuti dai nuovi vertici, sono quisquilie. Eppure il valore dell’azione, autodeterminato dal Cda, cresceva anno su anno. Un investimento a prova di bomba. Eppure Consoli non ne ha approfittato»

Mai mettere tutte le uova (marce) nello stesso paniere, si direbbe. Molto peggio è andata ad altri, che hanno creduto ai bilanci firmati da Consoli:

«Chi ha creduto di più alle sorti della banca erano l’ex presidente Flavio Trinca (43 mila azioni) e l’ex vice-presidente Franco Antiga, che si ritrova con un pacchetto di 2o mila titoli (800 mila euro) euro che oggi sono a zero. Solo due ex consiglieri, gli imprenditori Francesco Biasia e Gianfranco Zoppas hanno dimostrato di credere alle “virtù” della banca. Biasia ha tuttora azioni per 22o mila titoli: valevano 8,7 milioni ora sono carta straccia, per Zoppas la perdita sfiora i 10 milioni»

Ci pare di poter inferire che queste persone fossero prive di deleghe operative, o comunque fossero tenute ben lontane dalla cabina di regia della banca. Altre interpretazioni le lasciamo ai lettori. Ma esiste anche un altro dato, relativo alla natura oligarchico-predatoria di certi ambienti, non solo bancari, anche quando non c’è di mezzo il codice penale:

[…] secondo quanto calcolato dalla Cisl, fra il 2006 ed il 2014 le retribuzioni di amministratori e top manager di Veneto Banca sono aumentate del 500 per cento mentre i costi operativi appena dell’1,5 per cento. «L’incremento percentuale dei compensi ai piani alti – commenta Massimiliano Paglini, segretario generale di First Cisl Belluno Treviso – è l’unico dato in armonia con il parallelo aumento dei rischi. In otto anni, cioè, i crediti [immagino quelli in sofferenza, ndPh.] sono lievitati di più di quattro volte mentre la redditività è rimasta sostanzialmente stabile, con 77 milioni nel 2006 e, ad esempio, 160 nel 2011»

Quanto è agevole fare i meritocratici con la pelle e le penne altrui.