Il settimanale – 6/1/2018

E rielaboriamo in chiave avversa all’eradicamento cosmopolita massivizzante il decadente concetto di auguri: