Le Belve – 29/2/2020

Per l’attualità della settimana, il violento impatto dell’epidemia sui mercati finanziari, che avrà effetti sull’economia reale (e viceversa); lo sciocco mantra politico della “terapia shock per l’Italia”, che da lustri scandisce invece gli shock che il paese subisce; i preparativi per la Brexit, con l’esercito di agenti doganali che le imprese britanniche dovranno assumere; lo spezzatino Alitalia, piatto avariato cucinato con anni di ritardo e conto “stellato” a carico dei contribuenti.

Il governo ha preso le prime decisioni a sostegno dell’economia, per ora necessariamente blande e circoscritte, oltre ad aver nominato due “superconsulenti ideologici” esteri, tra stato imprenditore ed economia circolare in autoconsumo. Presto chiederemo nuova flessibilità alla Ue, ma per farne cosa? Nuovi sussidi a pioggia o una improbabile “riforma” dell’economia? Ne parliamo con Alberto Mingardi, direttore generale dell’Istituto Bruno Leoni.

Si fa presto a dire smart working, ma che vuol dire in concreto? E siamo sicuri che la politica ascolti l’economia e la produzione, imprenditori e lavoratori, oppure stiamo sempre più scivolando e perdendo terreno, minati da tic populisti? Ne parliamo con Marco Bentivogli, segretario generale della Fim-Cisl.

Ma è vero che la Germania sta per sospendere il vincolo costituzionale al deficit, come chiesto dal ministro delle Finanze, Olaf Scholz? E basta fare deficit per crescere, come (non) dimostra il caso italiano? Di questo e del lungo crepuscolo di Angela Merkel parliamo con Tobias Piller, corrispondente dall’Italia della Frankfurter Allgemeine Zeitung.

OffertaBestseller

Ultimo aggiornamento 2021-01-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Buon ascolto, anche della playlist delle Belve.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.
  • Per donare con PayPal, clicca qui. Oppure, richiedi il codice IBAN. Vuoi usare la carta di credito per donazioni una tantum o ricorrenti? O preferisci donare bitcoin? Ora puoi!
  • Share via
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
    Send this to a friend