“Il respiro dell’autunno inizia a ghiacciare la strada”: con questa poetica citazione del poeta russo Alexander Pushkin la neo-presidente del Fondo Monetario Internazionale, Kristalina Georgieva, ha sintetizzato la sua visione dell’economia globale, durante i lavori dell’assemblea annuale del Fondo. Guerre commerciali ed una politica monetaria che rischia di aver perso efficacia accumulando distorsioni sono al centro delle riflessioni globali. Che fare, per dirla con un conterraneo di Pushkin?

L’attualità politica ed economica, interna ed internazionale, della settimana: la rivolta dei paesi del Nord contro la “dottrina Draghi” inizia a fare pressione su Christine Lagarde, mentre la Ue dibatte su allargamento e bilancio finanziario pluriennale senza il Regno Unito, e su chi ne porterà maggiormente il peso.

La settimana phastidiosa: lezioni di scienza delle finanze per demagoghi, tasse verdi che non servono all’ambiente, le solite zuffe tra gemelli della politica, il tocco di Mise, modelli falliti per un paese fallito. E “molto contante, siamo gioiellieri”.

Nuovo crossover (che non è un suv) nella programmazione del canale YouTube di Liberioltre. Il vostro titolare ed il tignoso Luciano Capone riflettono sul contrasto d’interessi, ultimo proiettile d’argento della politica italiana. Come riuscire a sentire una struggente nostalgia per Vincenzo Visco e la sua competenza ai tempi dei miracolosi riti voodoo degli odierni saltimbanchi. Buona visione.

Dal caso Alitalia, che promette di diventare uno dei maggiori scandali della storia di questo paese, che pure di scandali ne ha visti moltissimi, passando per i tavoli di crisi al Mise, l’unica lezione da trarre è che ci sono casi in cui la patologia aziendale richiede solo di “lasciare andare” il paziente, senza accanimento sui contribuenti. Perché non saranno improbabili e burocratiche “riconversioni” a colpi di sussidi e proclami politici (e men che mai “nazionalizzazioni”) a invertire molte storie aziendali ormai finite. Ecco perché occorre concentrare gli sforzi sulla tutela del lavoratore anziché del posto di lavoro. Lo so, è terribilmente difficile, soprattutto in aree desertificate di lavoro. Ma l’alternativa non è né può essere la cassa integrazione in deroga ad oltranza e verso l’infinito. Perché questa è la via dell’inferno e del fallimento del paese. Buon ascolto.

Oggi sul Foglio il tignoso Luciano Capone segnala che è in corso l’ennesima lite tra gemelli della politica italiana. Solo che, a questo giro, ad essere coinvolta è un’economista che, meglio di chiunque altro, conosce la purissima idiozia del cosiddetto contrasto d’interessi ma, ciò malgrado, finisce in una disputa con la sua alter ego politica. Che tempi tristi.

di Luigi Oliveri

Egregio Titolare,

nei comune è presente la figura del segretario comunale, un tecnico qualificabile come dirigente amministrativo negli enti di dimensioni maggiori, ai quali la normativa attribuisce funzioni estremamente rilevanti. Tra esse, la traduzione dell’indirizzo amministrativo in programmi gestionali, il coordinamento delle attività degli uffici, la consulenza giuridico amministrativa agli organi, l’assistenza agli organi di governo (sindaco, consiglio e giunta), il controllo amministrativo sugli atti e sull’andamento della gestione. Le norme anticorruzione, poi fanno coincidere il responsabile della prevenzione della corruzione negli enti locali proprio col segretario comunale.

Iniziamo come sempre con i temi economici e politici della settimana: sarà vera svolta per la guerra commerciale tra Cina e Usa e per una Brexit concordata tra Londra e Bruxelles? Lecito dubitarne ma vedremo. Consueto aggiornamento su Alitalia, la tassa degli italiani. Sapevate che l’Asia produce più emissioni di CO2 di Europa e Stati Uniti sommati? Ecco qualcosa su cui riflettere.