L’importante è percepire

Puntata di oggi di Omnibus La7, condotta da Alessandra Sardoni con Corrado Formigli (Piazzapulita), Luciano Fontana (direttore Corriere della Sera), Lucio Caracciolo (direttore Limes), Davide Giacalone (Libero) ed il vostro titolare. Tra immigrazione, rischio terrorismo ma anche alienazione culturale e sociale degli immigrati, l’Italia regno della percezione, con una perla del nostro premier che non è chiaro se sia più …

Leggi tutto

Dum Romae consulitur

Puntata di ieri di Omnibus La7, condotta da Alessandra Sardoni con Francesco Boccia (Pd), Augusto Minzolini (Forza Italia), Vittorio Emanuele Parsi (Università Cattolica di Milano), Fabio Martini (La Stampa), Mario Adinolfi (La Croce) ed il vostro titolare. Si è parlato della minaccia libica e delle dichiarazioni interventiste di esponenti di governo e maggioranza.

Il waterboarding della logica

Prosegue l’encomiabile (e un po’ troppo idealistico, a nostro umile avviso) tentativo di Andrew Sullivan di confutare l’onda di piena che vede come fondamentale il ruolo di Guantanamo e delle tecniche rafforzate di interrogatorio nella individuazione ed eliminazione di Osama.

Guantanamera

Mentre il mainstream della destra Repubblicana americana (ed i suoi più fedeli megafoni del copia-traduci-incolla qui da noi) hanno già costruito una fervida narrativa che vuole l’operazione Bin Laden partire da lontano, molto lontano, cioè dagli interrogatori di Khalid Shaik Mohamed a Guantanamo, è opportuno leggersi anche la ricostruzione del New York Times, che racconta di una ristrutturazione operativa della …

Leggi tutto

O Biancofiore, simbolo d’amore

«L’eliminazione da parte delle forze Usa dello sceicco del terrore Bin Laden all’indomani della beatificazione di Giovanni Paolo II può essere letta come un nuovo enorme  miracolo per il mondo  regalato dal Papa più amato che tanto tuonò contro la rete del terrore in particolare ammonendola con le parole ‘il male è accompagnato  sempre dal bene’, volendo con ciò affermare …

Leggi tutto

Check out

E ricordate che è tutto merito di Bush, che Obama è un “leader from behind” ed un Carter abbronzato e che (soprattutto) non è chiaro cosa gli americani abbiano promesso al Pakistan. Ma oggi possiamo dire che una ferita aperta dieci anni fa ha cominciato a rimarginarsi. Alla realtà penseremo da domani. Update: l’opinione di Andrea Gilli

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend