Scusi, lei è un terrorista?

Gli americani ci ricascano. Il problema è l’intrinseca stupidità della burocrazia, con le troppe parti mobili e non interconnesse del sistema, o altro? Per ridurre al minimo queste vulnerabilità delle organizzazioni complesse la sola strada è comprimere le libertà civili, Cheney-style, o basta il principio apparentemente più “equo” dell’accountability? Maureen Dowd racconta una desolante sequenza d’inazione : «If we can’t …

Leggi tutto

Lezione dal passato

Anne Applebaum sugli attentati di Mumbai e sul rischio di reiterare schemi interpretativi che si sono già rivelati inadeguati a gestire gli eventi, di fronte alle insidie della guerra asimmetrica ed all’incapacità a comprendere un nemico proteiforme.

Deliri incrociati

Il punto non sono i deliri di frustrazione di un terrorista nascosto in una trappola per topi. Il punto sono le interpretazioni di quanti ritenevano che Obama, anziché un prodotto Made in Usa, fosse un socialista pacifista. Deliri, ovvio. Come quelli di quanti, in America e in Europa, erano e sono convinti che, “esportando la democrazia”, il mondo sarebbe diventato …

Leggi tutto

Senza dare nell’occhio

La globalizzazione non è minacciata solo dalla crisi finanziaria, ma anche dalla pirateria che opera al largo delle coste somale. L’ultimo colpo, compiuto sabato scorso, è il sequestro di una superpetroliera della saudita Aramco, che ha dimensioni triple rispetto a quelle di una portaerei statunitense e può trasportare fino a 2 milioni di barili di greggio. Uno schiaffo alla forza …

Leggi tutto

Complotto o mutazione genetica?

Sostiene Giorgio Cremaschi, leader dei metalmeccanici della Fiom, l’ala sinistra del sindacato di Guglielmo Epifani, riguardo lo smantellamento di una cellula terroristica di cui facevano parte ben otto iscritti alla Cgil: “Noi siamo vittime. E dovremo capire se non siamo di fronte a una strategia dell’infiltrazione e, in quel caso, chiederci se non ci sia dietro un disegno per indebolire la …

Leggi tutto

Guerra asimmetrica

I voli cargo della compagnia israeliana El Al con a bordo carichi di armi e rifornimenti destinati a Tsahal non sono autorizzati a effettuare tappe di rifornimento in Europa: lo afferma il presidente del sindacato dei piloti di El Al, Etai Regev, stando a quanto riferito dall’edizione elettronica di Haaretz. In una lettera inviata al premier Ehud Olmert e ai …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend