Schadenfreude – 2

Risolleviamo l’italico spirito con qualche fattoide altrui: il tasso di disoccupazione complessivo della Spagna è ormai arrivato al 17 per cento. Quello giovanile è al 35 per cento. Al picco, ben il 25 per cento del Pil spagnolo derivava dal settore delle costruzioni. Come si diceva, estremizzando, un paese di muratori immigrati. Il settore bancario scricchiola sinistramente, il paese è ora al primo posto mondiale nel controvalore netto dei credit default swap (in attesa di un qualche botto, si presume, anche se nelle ultime settimane ha stretto tutto, rottami compresi). Noi ve lo avevamo segnalato un’era addietro, ricordate?