Chi intasca il premio della euro-paura

In un articolo sul Corriere, Salvatore Bragantini analizza la persistenza dell’elevato differenziale di tasso d’interesse tra Italia e Germania, e  ritiene che ampia parte di esso sia imputabile all’esistenza di un premio al rischio di collasso dell’Eurozona, ed al ritorno di valute nazionali. Potrebbe aver qualche ragione.

Scrive Bragantini che, malgrado l’Italia “abbia rimesso ordine nei propri conti pubblici come nessuno in Europa, (…) lo spread sul nostro debito resta altissimo”:

«Quei tassi non sono dovuti a timori sulla insostenibilità del debito, ma alla paura che la crisi sfoci nella rottura dell’unione monetaria e nel ritorno di ciascuno ad una propria valuta. A pagare quei tassi è solo chi, ove mai dovesse uscire dall’euro, danneggerebbe i creditori, costretti ad accettare rimborsi in valute “deboli”, come quella che succedesse alla lira»

E’ innegabile che i mercati abbiano espresso un inequivocabile voto di sfiducia verso la governance europea e la totale assenza di mutualità che una cosa chiamata “unione” dovrebbe avere. Al momento, nulla e nessuno ci garantiscono che, dopo l’approvazione del fiscal compact, i tedeschi metteranno mano a meccanismi di tutela dei paesi con i maggiori costi di funding, come richiesto dallo stesso Mario Monti. Allo stadio della crisi in cui ci troviamo, peraltro, neppure la Germania potrebbe disporre di risorse sufficienti per garantire il resto d’Europa. Il bubbone è stato fatto lievitare, con una incredibile serie di errori strategici. L’assenza di munizioni adeguate, dopo mesi in cui si parla del fondo salva-stati e della sua dotazione, continua a pendere sulla testa di paesi come il nostro, che hanno un enorme stock di debito e crescita zero o negativa, per effetto della violenta stretta imposta all’Eurozona da questa disperata esigenza di pareggiare il bilancio credendo che ciò serva a rilanciare la crescita nel breve termine.

Ad evitare i soliti ululati contro queste tesi “eterodosse” o più propriamente eretiche, è utile ricordare che serve non un pareggio di bilancio purchessia, ma una ristrutturazione dell’economia in direzione di aumentarne la competitività; che tuttavia questo processo ha un timeframe incompatibile con i tempi caratteristici dei mercati, che non si fidano più di questa Eurozona, ed è imprescindibile la creazione di un “qualcosa” che sostituisca i mercati  medesimi mentre quelle stesse riforme di struttura vengono implementate, ammesso e non concesso che ci sia qualcuno che controlli che di vere riforme si tratti, e non di banali strette fiscali.

Tutto ciò premesso, la tesi di Bragantini è che la Germania sta intascando il bonus (il sussidio, per dirla con Bragantini)  del rischio/opportunità di un ritorno del D-Mark, senza pagare la penale della rivalutazione della valuta che ciò implicherebbe. Da qui i tassi negativi sui titoli a breve termine e l’esplosione di depositi nel sistema bancario tedesco, che sta godendo di una espansione monetaria senza precedenti. Quanti affermano che la Germania starebbe portando la croce della dissipatezza altrui, riflettano almeno su questo punto.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!