Elsa e l’horror vacui

“La recessione è grave, la domanda è bassa, il quadro macroeconomico è molto brutto”. Questa è la valutazione della ministra del Lavoro Elsa Fornero, secondo la quale “è difficile che si creino nuovi posti di lavoro” in questa fase. L’obiettivo del governo è quello di creare le condizioni, ha aggiunto Fornero, affinché quando “le condizioni miglioreranno” la riforma del mercato del lavoro sia una “opportunità” affinché le imprese possano assumere “di più e con contratti migliori”

Disse Elsa Fornero oggi a Bruxelles alla conferenza “Jobs for Europe, riprendendo gli interventi di apertura tra i quali quello del presidente della Commissione Ue, José Barroso, il quale aveva segnalato gli enormi ed ancora largamente inespressi danni sociali causati dal fenomeno (ormai comune ad entrambe le sponde dell’Atlantico) della crescente disoccupazione di lungo periodo, una piaga che noi italiani abbiamo conosciuto ai tempi del pansindacalismo ubiquo e totalizzante e che oggi si ripresenta malgrado la storica sconfitta della sindacalizzazione.

L’analisi della Fornero è corretta, almeno nel senso che riconosce che le riforme di struttura servono solo a creare crescita potenziale, ma la crescita effettiva è altra cosa e al momento non c’è. Segnaliamo con soddisfazione finalmente arrivando ad un mainstream che ha smesso di sostenere che le riforme in quanto tali producano crescita. Anche perché, vista durata e profondità della recessione, solo un idiota in malafede potrebbe continuare a sostenere quella tesi. I guai vengono quando la Fornero passa ad altri enunciati di principio, quelli che dovrebbero essere prescrittivi:

«In questo momento di recessione – ha detto il ministro parlando con i giornalisti – serve, come detto anche dagli altri relatori, che ci sia uno spostamento dell’enfasi dalle politiche di stabilizzazione finanziaria a politiche macroeconomiche a sostegno dell’economia reale, che vuol dire occupazione, produzione e reddito per le famiglie»

Ottimo, e quindi? Stiamo parlando di sostegno alla domanda, forse? In forma di aumento di investimenti pubblici? Riduzione del costo del lavoro, stimoli ai consumi? O che altro? E l’intervento va fatto a livello di singolo paese (in crisi fiscale nerissima, quindi per definizione impossibilitato a fare alcunché) o di Eurozona o magari planetario, giusto per sognare?  Come si “crea” crescita, soprattutto dopo che è appena scoppiata una bolla di debito (soprattutto privato) di proporzioni apocalittiche, ed altre non meno devastanti (Cina, Australia, Norvegia, Canada) rischiano di scoppiare nei prossimi mesi?

Fornero si rende conto che, senza giungere ad argomentare sui massimi sistemi, non siamo neppure in grado di ridurre il cuneo fiscale per tentare di salvare centinaia di migliaia di posti? La verità è che siamo in balia degli eventi, l’inerzia del sistema è enorme e solo il tempo potrà curare queste lesioni strutturali, a patto di non fare errori marchiani e a patto che la popolazione, piegata da crollo di reddito ed esplosione della disoccupazione, non dichiari di averne le tasche piene di convegni, programmi, auspici e ditini levati, e non passi a forme di assertività piuttosto problematiche per la convivenza civile. Tutto il resto sono chiacchiere. E finché potremo permetterci di riempire le giornate ascoltando quelle, significa che la situazione non è ancora tragica.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!