Battere il ferro finché è freddo

«Una cosa accomuna tutti gli incontri avuti con un ampio gruppo di operatori di mercato: interesse e in alcuni casi entusiasmo verso l’Italia, vista sia come opportunità di investimento, sia in specifico per la politica di privatizzazione che il governo sta portando avanti». Lo ha detto il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan a Londra dopo la due giorni di incontri, anche con operatori della City (Ansa, 30 aprile 2014)

«Molto presto inizieremo ad aggredire il patrimonio immobiliare dello Stato che sarà valorizzato, sarà semplificata la procedura per poter destinare ad altro scopo molti edifici. Su questo so per certo che esiste un enorme interesse degli investitori sia italiani che stranieri». Così il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan. E sempre sul tema privatizzazioni Padoan ha detto: «Enav e Poste sono in avanzata fase di completamento del processo, verranno poi altri casi, per esempio Fincantieri» (Ansa, 4 maggio 2014)

Darsi un target e mantenerlo è la cosa migliore, per essere credibili:

Il governo mantiene l’obiettivo di privatizzazioni fissato nel Def, pari allo 0,7% del Pil l’anno dal 2014. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, durante un incontro alla stampa estera. Padoan – secondo la Bloomberg – ha aggiunto che è il momento di “fare sul serio” sulle riforme strutturali (Ansa, 3 giugno 2014)

«C’è stato molto interesse da parte del programma di privatizzazione del governo» da parte degli investitori. Lo afferma il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, al termine della sua missione negli Stati Uniti (Ansa, 11 giugno 2014)

Andava tutto così bene. Poi, improvvisamente, qualcuno ha staccato il piede dall’acceleratore, si direbbe:

«Per fare le privatizzazioni bisogna prima prendere in considerazione l’umore dei mercati». Lo ha detto il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan in una intervista a Bloomberg Tv a Cernobbio, spiegando che «al momento quest’umore verso gli asset italiani è ancora molto positivo ma potrebbe cambiare, quindi dobbiamo fare molta attenzione sulla tempistica». Il ministro ha ribadito che per ridurre il debito «si punta sulla crescita, ma le privatizzazioni possono accelerare il processo» (Ansa, 8 settembre 2014)

Quest’ultima frase merita il Nobel per la logica, in effetti. Stiamo rinviando le mitologiche “privatizzazioni” perché l’umore dei mercati verso gli asset italiani è “ancora molto positivo”. Ma questa gente non si rilegge e non si riascolta mai? Non hanno qualche staffer che possa aiutarli, oltre che assecondarne tutti i piccoli e grandi tic che si ritrovano?

«Sono stupito che ci si accusi di fare solo annunci. E’ tutto il contrario degli annunci. Forse è limite del governo comunicare quello che si sta facendo». Così, nel suo intervento al Forum Ambrosetti di Cernobbio, il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan (Ansa, 7 settembre 2014)

Si, decisamente questo è il limite più vistoso del governo. Oltre a profondi e crescenti dissapori con la realtà, si direbbe.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!