Chi dice sciocchezze disinforma anche te. Digli di smettere

Ieri sera, al Tg La7, ci è stata data una notizia. La notizia del rating di un’emittente che infiniti lutti addusse agli italici risparmiatori, e di cui ricorre in questi giorni l’anniversario del default. L’unico problema è che la notizia data ieri sera dal Tg La7 è semplicemente falsa, e questo è un problema. Anche se nel gigantesco bar sport mediatico chiamato Italia nessuno o quasi segnalerà ciò. Siamo qui noi, si parva licet.

Ieri sera, dunque, nell’edizione delle 20 del Tg La7 (qui, intorno al minuto 10:50), è stato trasmesso un servizio del caporedattore Economia Marco Fratini in cui, con riferimento al decennale del default-truffa di Parmalat, viene detto:

“Poi, volendo ricordare, Parmalat aveva la tripla A quando fallì”

Ebbene, questa affermazione non solo è falsa, ma lo è pure in un modo molto grave. Volendo ricordare (cit.), Parmalat ricevette il rating da Standard & Poor’s (unica agenzia ad aver valutato il merito di credito dell’azienda di Tanzi) il 15 novembre 2000. Quel rating era il gradino più basso dell’investment grade, cioè (per S&P) BBB-. Non c’è mai stata alcuna tripla A, nella storia del rating di Parmalat. Ed il rating tripla A era esattamente nove gradini sopra quello ottenuto dall’azienda di Calisto Tanzi. Sempre per la cronaca, allo scoppio dello scandalo S&P declassò il rating emittente di lungo termine in valuta locale di Parmalat a B+ con negative watch il 9 dicembre 2003, poi a CC il 10 dicembre di quell’anno e infine a D (default) il 18 dicembre 2003. Fine delle trasmissioni.

L’informazione data da Marco Fratini è quindi gravemente fuorviante, oltre che altrettanto gravemente inesatta. Tale informazione probabilmente si alimenta dello stile del giornalista, molto “brillante”, aneddotico e proteso alla divulgazione al grande pubblico degli arcana mundi di economia e finanza. Tutto molto bello ma col limite invalicabile di fornire informazioni corrette, cioè esatte, e non costruirci sopra narrative psichedeliche.

Noi siamo molto old fashion, sapete: vorremmo che gli operatori dell’informazione informassero, su base fattualmente corretta, separando le opinioni dai fatti, nei limiti del possibile. Per questo il pezzo di Fratini è del tutto inaccettabile. Quindi riteniamo sarebbe opportuno, per esigenze minimali di credibilità della testata, che vi fosse una rettifica. Lei che dice, direttore Enrico Mentana?

OffertaBestseller
Baby Monitor, Videocamera BOIFUN con schermo da 3.2 '' 750mAh Supporto batteria ricaricabile VOX Visione notturna Visione di temperatura 8 ninne nanne per bambino/anziano/animale domestico
  • ❤️Modalità Vox e visione notturna: in modalità Vox, lo schermo dell'unità madre è nero. Lo schermo si accende quando il bambino inizia a piangere. La distanza di visione notturna è da 3 a 5 metri, quindi non perderai mai nessun momento del tuo bambino e ti libererai dal trambusto. Avrai il tuo tempo per leggere, guardare la TV o persino goderti un paio di drink con tuo marito. Ti porta molto divertimento e divertimento.
  • ❤️260 metri di raggio extra-large --- L'area di copertura del segnale di 260 m (test all'aperto) ti consente di cucinare felicemente al piano di sotto, goderti il ​​sole in piscina o persino fare un rilassante barbecue con gli amici in terrazza, per un divertimento e un divertimento ancora maggiori .

Ultimo aggiornamento 2021-01-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Aggiornamento – Il Tg La7, con servizio dello stesso Marco Fratini, raccoglie la nostra segnalazione e rettifica, citando la fonte. Sarà anche vero, come ha detto Fratini, che “le sciocchezze le hanno fatte le banche” vendendo quello che hanno venduto, ma questa non è una giustificazione per la stampa per esibirsi in svarioni così grossolani. Grazie al direttore Mentana.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.
  • Per donare con PayPal, clicca qui. Oppure, richiedi il codice IBAN. Vuoi usare la carta di credito per donazioni una tantum o ricorrenti? O preferisci donare bitcoin? Ora puoi!
  • Share via
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
    Send this to a friend