La chiamavano fact checker

di Massimo Famularo Egregio Titolare, a parziale integrazione dell’opera meritoria già svolta su questi pixel nell’evidenziare come la mirabolante proposta pubblicizzata sul principale quotidiano nazionale da una nota giornalista altro non sia che una becera mutualizzazione del debito, mi permetto di sottolineare alcune descrizioni fortemente fuorvianti e alcune falsità che sostanziano un caso di vera e propria disinformazione.

Di pere, mele e kattedre

E insomma, cari studenti neghittosi, non si possono comparare pere e mele. Poi c’è il rischio, la media, la varianza, le variabili, i “giornalisti” che hanno passato gli ultimi vent’anni lavorando sui mercati finanziari per ingannare il tempo in attesa della venuta dei blog e non capiscono di cosa parlano gli accademici, e offele’ fa el to’ meste’. E così …

Leggi tutto

Il costo sociale dei default disordinati ed autoinflitti

di Mario Seminerio Vorrei premettere che Michele Boldrin ha ragione. Nel senso che, se i termini della questione fossero la “progressiva e continua monetizzazione del debito sovrano in essere, cominciando da quello di Grecia ed Italia”, io per primo salirei sulle barricate per oppormi ad una simile follia. Ma i termini della questione non sono questi.

Il costo sociale degli apprendisti stregoni

Pubblichiamo le riflessioni di Michele Boldrin sul dibattito relativo alla necessità che la Banca centrale europea si ponga come effettivo “garante” e prestatore di ultima istanza delle passività dei paesi membri dell’Eurozona. Un numero crescente di economisti, delle più varie estrazioni, si sta schierando a favore di questa ipotesi, mentre Boldrin è risolutamente contrario. Commenterò in seguito con la mia …

Leggi tutto

Il disagio del lavoro gratis in Italia

di Michele Boldrin Sembra che in Italia, per amore o per forza, molta gente lavori “gratis” – ossia, senza un immediato corrispettivo monetario, o quasi. Hanno cominciato (a fare notizia) Marco Travaglio e Vauro, poi è stata la volta di Roberto Benigni nel programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano. Ma non sono solo le celebrità televisive a lavorare gratuitamente. …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend