In alto i tassi reali, disastro reale in arrivo

Altra disastrosa asta di titoli di stato in Eurolandia, questa volta in Spagna. All’indomani della messa in outlook negativo da parte di Moody’s, Madrid ha piazzato due emissioni, a 10 e 15 anni, per le quali aveva preventivamente ridotto l’importo di emissione, nel tentativo (fallito) di contenere l’impatto di mercato sui rendimenti.

Calcio subprime

Per il Barcellona, un debito di gruppo di 544 milioni di dollari, contro i 405 milioni dell’anno precedente. Una perdita di esercizio, per l’anno 2009-2010, di 95 milioni di dollari (circa un quinto del fatturato). Sarà anche il primo anno di una nuova gestione, quella di Sandro Rosell, ex dirigente della Nike, e in questi casi è regola che il …

Leggi tutto

Avanti il prossimo

Dopo Grecia e Portogallo, anche la struttura a termine dei credit default swap sulla Spagna si è invertita, per scadenze successive all’anno. In altri termini, la protezione contro il default costa di più per scadenze più ravvicinate. Questo è classicamente un segno di distress creditizio, come si vede nel mercato delle obbligazioni ad alto rendimento o junk, cioè spazzatura, come …

Leggi tutto

L’esito inevitabile

Pubblicata ieri dalla Banca centrale europea la semestrale Financial Stability Review, in cui si evidenzia il timore dell’istituto di Francoforte per lo stato delle banche europee, che rischiano un effetto-contagio dalla crisi di debito della regione. Considerando le svalutazioni e gli accantonamenti già contabilizzati, mancano all’appello almeno altri 195 miliardi di euro, di cui 90 quest’anno. Di rilievo il fatto …

Leggi tutto

Pain in Spain

Prosegue la lenta ma inesorabile discesa agli inferi della Spagna. L’agenzia di rating Fitch ha tagliato di un notch il merito di credito spagnolo, al livello di AA+, con outlook stabile, allineandolo a quello di Standard&Poor’s, la cui azione è iniziata oltre un anno addietro. Solo Moody’s mantiene la tripla A, ma è solo questione di tempo prima che questa …

Leggi tutto

La festa è finita. Per qualcuno mai iniziata

Il premier socialista portoghese José Socrates e il leader dell’opposizione di centrodestra Pedro Passos Coelho hanno raggiunto un accordo la notte scorsa su un piano di misure di austerità aggiuntive che prevede fra l’altro l’aumento dell’Irpef e dell’Iva nel 2010 e una addizionale del 2,5% sugli utili  delle imprese. Il nuovo giro di vite punta ad accelerare la riduzione del …

Leggi tutto

Send this to a friend