Facciamo come la Spagna? Speriamo di no

Oggi sul Sole c’è un’ampia intervista “programmatica” a Davide Serra, il CEO Di Algebris Investment che da tempo ha una relazione privilegiata con Matteo Renzi, e che è accreditato di esserne uno dei principali ispiratori in materia di politica economica. L’intervista non aggiunge nulla al pensiero conosciuto di Serra, se non rivelarne una propensione all’aneddotica che si infrange contro i …

Leggi tutto

Spagna, i problemi irrisolti sul mercato del lavoro

Sul Financial Times un interessante Q&A sul mercato del lavoro spagnolo, dopo la profonda riforma di inizio 2012 (qui descrizione e commento sugli interventi attuati). Ci sono luci ed ombre, naturalmente, ma persiste un grave problema: il paese ha ancora una struttura fortemente duale del mercato del lavoro, tra insider ed outsider, e questo rischia di minare dalle fondamenta il recupero …

Leggi tutto

Spagna, la ripresa assai poco umana

Domanda vagamente comunista: possiamo dire che obiettivo della crescita economica deve essere il riassorbimento della disoccupazione e l’aumento dell’occupazione? Si, lo sappiamo, la causalità corre anche in direzione opposta, tutto dipende se si guardano i termini della questione dal lato della domanda piuttosto che da quello dell’offerta, eccetera. Tuttavia, anche per tenere semplice il concetto, se siete d’accordo con il …

Leggi tutto

Il complotto degli spiccioli

Poiché sta rapidamente prendendo piede l’ennesima leggenda metropolitana stracciona ad uso degli italici gonzi (“la Spagna riceve aiuti europei e con quelli le loro banche si comprano le nostre aziende!”), ed altre amenità su cui torneremo, vorremmo sommessamente segnalarvi che l’aumento di capitale necessario a portare Telefonica al 70% di Telco, la holding di controllo di Telecom Italia, richiederà un esborso …

Leggi tutto

Se la Spagna diventa il modello di Renzi

Il maggiore problema dei politici italiani è, non da oggi, il desolante provincialismo e la tendenza a non voler approfondire quanto accade fuori dall’Italia. Un vero peccato che questo tratto culturale riemerga pari pari anche nei portatori sani del nuovismo. E’ il caso di Matteo Renzi, che oggi ha scoperto il paese-modello, suo e della non meglio specificata “sinistra” italica.

Crolla il Pil e sale lo spread: non era la fine del tunnel?

di Mario Seminerio – Il Fatto Quotidiano I politici continuano a professare ottimismo, il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco parla di “graduale miglioramento”, ma l’Istat rivede ancora al ribasso le stime sul Pil italiano nel 2013: -2,1 per cento. Stiamo uscendo dal tunnel della crisi o la strada è ancora lunga? Ecco i punti da chiarire.

Send this to a friend