La risposta di Claudio Risé

…alle nostre domande potete leggerla qui. Potete consentire o dissentire da essa, ovviamente. Noi un’idea ce la siamo fatta, ma non la esporremo per non indurre bias in alcuno. Il nostro obiettivo prioritario, come dichiarato nel post precedente, è quello di porci e porre domande per tentare di capire. L’unica cosa che vorremmo pregarvi di fare, in caso disponiate di un blog o di altri strumenti atti a veicolare il vostro pensiero, è di evitare di partire per la tangente, e scrivere farneticazioni neocospirazioniste come quelle che abbiamo letto negli ultimi giorni, in base alle quali esiste un unico, ininterrotto filo nero che parte da Risé, e passa attraverso il Ku Klux Klan, i fondamentalisti omofobici americani, le turbe psichiche dell’assessore regionale lombardo Prosperini, gli esperimenti del dottor Mengele, il mistero dell’Area 51, l’estinzione dei Maya. La nostra è solo una richiesta, ovviamente, sentitevi liberi di dar sfogo alla vostra creatività, in un senso o nell’altro. Anche questo serve alla promozione dell’individuo.