Ma quanto è facile uscire dall’euro

Mesi addietro Lord Wolfson, amministratore delegato del retailer inglese Next, offrì una “taglia” di 250.000 sterline a chi avesse prodotto suggerimenti operativi per giungere alla ordinata fuoriuscita di uno o più stati dall’euro. Di fatto, si trattava di un tentativo di sistematizzare il modo in cui dissolvere l’Eurozona riducendo la devastazione che ciò implicherebbe, con buona pace di tutti gli scienziati che “è facile, basta uscire dall’euro e svalutare”, con frasi di complemento del tipo “si può fare come l’Argentina, no?”

Ebbene, in questi giorni si stanno tirando le somme di quell’invito, e possiamo dire di avere conferma di tutti i nostri sospetti: l’operazione è tutt’altro che semplice, per usare un eufemismo. Tanto per cominciare con le banalità, servirebbe una bank holiday molto lunga, per impedire corse agli sportelli del paese in uscita (poveri illusi). Ma questa sarebbe solo condizione necessaria, ed assai poco sufficiente. Sul piano procedurale, poiché l’uscita dall’euro non è codificata, si ipotizza di poter ricorrere ad una “procedura di revisione semplificata”, dei trattati, per la quale servirebbe comunque unanimità dei paesi. Inoltre, secondo i suggerimenti finora pervenuti alla giuria del premio (riportati sul blog della Frankfurter Allgemeine Zeitung), ipotizzare l’uscita di un solo paese sarebbe troppo pericoloso, perché scatenerebbe un effetto contagio che travolgerebbe tutti gli anelli deboli della catena.

Servirebbe dunque, contestualmente a blocco delle banche e controlli valutari alle frontiere, anche l’introduzione di una nuova moneta unica, destinata ai paesi del “blocco del marco”, per neutralizzare gli spalloni che riuscissero comunque a valicare la frontiera e a tentare di raggiungere Monaco con bauli di euro. Come scrive il blog della FAZ, semplificando brutalmente, una nuova valuta servirebbe “per distinguere il contante tedesco da quello greco”. E provare con i vopos?

Dopo aver introdotto le nuove banconote, occorrerebbe poi modificare tutti i distributori automatici. Chi ricorda il tempo richiesto per queste operazioni nella transizione all’euro sa perfettamente che l’operazione inversa, che avverrebbe in modo caotico e panicato, provocherebbe un collasso dell’attività economica.

Poi ci sarebbero gli effetti distributivi della conversione, che coinvolgerebbero privati e (soprattutto) aziende, molte delle quali sarebbero dissestate dal nuovo sistema valutario. Le multinazionali tendono ad avere una sussidiaria di tesoreria, che gestisce l’indebitamento in modo centralizzato. Spesso la giurisdizione delle passività è quella olandese, e l’Olanda finirebbe nel gruppo dell’euro-marco. Ciò vorrebbe dire un enorme aumento dell’onere del debito per le imprese coinvolte. Servirebbero quindi degli imponenti salvataggi: il sistema, lasciato a se stesso, finirebbe travolto dalla illiquidità e da dispute legali sulla giurisdizione nazionale di attività e passività. La stessa Bundesbank, che ad oggi vanta crediti di circa 500 miliardi di euro verso i paesi deboli dell’Eurozona per effetto degli afflussi di depositi verso le banche commerciali tedesche, si ritroverebbe con minusvalenze pressoché equivalenti ai propri cosiddetti “attivi” contabilizzati nel sistema Target 2, ed andrebbe ricapitalizzata per mano del governo federale.

Da questa prima rapida ricognizione (che è tutto fuorché una sorpresa, per chi legge questo sito), siete ancora convinti che “basta uscire dall’euro, e svalutare la nuova moneta”? Se la risposta è affermativa, siete in ottima compagnia visionaria. Anche i falchi della FAZ lo credono. Come commentano nel post,

«Una uscita dall’euro è davvero difficile e costosa, ma è possibile. Che la riforma alla fine paghi dipenderà da come si stimano i costi di salvataggio dell’euro»

E hai detto niente. Ma c’è anche la valutazione “politica”:

«Una cosa è chiara: l’unione valutaria appare condannata e dobbiamo iniziare a cercare alternative»

Su questo (almeno) concordiamo pienamente. Ma chiunque pensi che uno o più paesi possano uscire dalla moneta unica senza che ciò causi un effetto equivalente ad un evento bellico, è un folle o semplicemente uno sprovveduto, che vive a pieno titolo nella società dell'”opinione pubblica globale”. Quella che pensa bastino i social network per avere il mondo in mano.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!