Tremonti, il timoniere del Titanic

La recente uscita di scena dell’ex ministro dell’economia Giulio Tremonti coincide temporalmente con l’arrivo in libreria di una biografia sul “tributarista di Sondrio”. A ricostruire in quasi 500 pagine le vicende umane, professionali, politiche ed economiche del parlamentare valtellinese sono l’economista Fabio Scacciavillani e il giornalista Giampiero Castellotti.

L’ostaggio e le schegge eversive

Questa mattina, il consiglio dei ministri ha rinviato l’esame della ”Relazione Generale sulla Situazione Economica del Paese” che risultava all’ordine del giorno di oggi. Il rinvio è legato alla mancanza di “alcuni approfondimenti su piccoli dettagli” della Relazione, secondo quanto riferiscono fonti del Tesoro. E deve trattarsi di dettagli davvero minori, se sono tali da provocare la mancata approvazione di …

Leggi tutto

Un ministro poliedrico

Su la Stampa, il tragicomico resoconto dei numeri di capitalizzazione gonfiata delle aziende pubbliche, nel tardivo documento di valorizzazione/dismissione di asset pubblici. Tralasciando il robusto sospetto che si tratti di copiaincolla di analogo documento, preparato quattro anni addietro sotto il governo Prodi (e la cosa non ci stupirebbe, vista la tendenza di questo governo alle repliche da teatrino), e tralasciando anche …

Leggi tutto

Non schermitevi

Dal NYT di oggi: “La Cina è un paese povero con solo 4.000 dollari di reddito pro-capite”, ha detto Yu Yongding, economista cinese ed ex membro del comitato di politica monetaria della banca centrale. “Parlare o pensare della Cina che soccorre paesi con 40.000 dollari di reddito pro-capite è ridicolo” Questa è una fallacia furbetta, perché quello che conta in …

Leggi tutto

Dissociato in casa

“Per ridurre il debito hai due strade: ridurre la spesa pubblica e crescere di più. Ma occorre ridurre la spesa. Se pensi di alzare le tasse sei in corsia di sorpasso dalla parte sbagliata”. Ad affermarlo al Tg2 è il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, intervistato a margine delle riunioni di primavera Fmi e Banca Mondiale. (Ansa, 15 aprile 2011) Certo, …

Leggi tutto

Tra Cernobbio e Mirabello, attendendo Waterloo

Alcune spigolature da una tranquilla crisi economica e di regime, tratte da una annoiata e disgustata lettura della rassegna stampa. Leggiamo ad esempio che Alessandro Profumo, l’uomo che Enrico Letta vedrebbe con piacere nelle liste del Pd, invoca una mega-patrimoniale da 300-400 miliardi di euro, sufficiente solo a portare il rapporto debito-Pil al “confortevole” livello del 90 per cento, e propedeutica …

Leggi tutto

Lo stato della commedia dell’arte

Mentre la decomposizione del governo italiano diffonde in tutta Eurolandia un fetore insopportabile, malgrado dalle parti di Bruxelles e Francoforte in molti continuino a turarsi masochisticamente il naso, continuano le evoluzioni dell’esecutivo di Silvio Berlusconi, l’uomo a cui perfettamente si attaglia uno dei più celebri aforismi del padre del teatro dell’assurdo, Eugène Ionesco: “Prendete un circolo, accarezzatelo. Diventerà vizioso”

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend