Il Mortirolo delle riforme

Un Giulio Tremonti in grandissima forma questa sera, al convegno Confindustria nella fatale Parma. Un’esperienza mistica, la lettura plenaria de “La paura e la speranza” impreziosita da alcune considerazioni tra il profetico ed il ciclistico:

«Nel ’94 con Silvio Berlusconi eravamo forse un po’ avanti sul nostro tempo. Ora siamo stati raggiunti dal nostro tempo e non possiamo sfuggire all’appuntamento»

Il gruppo li ha ripresi, ma è in questi momenti che si vedono i campioni. Coraggio, ragazzi, non fatevi doppiare.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!