Global Compact for Migration: pagare l’elettorato con moneta falsa

di Vitalba Azzollini I politici pro tempore al potere possono fare sostanzialmente ciò che vogliono, nel rispetto dei paletti dell’ordinamento, com’è ovvio. Quindi, può anche capitare che decidano di sovvertire l’orientamento espresso da chi li ha preceduti, annullandone le decisioni, perché in disaccordo con le idee che ne erano alla base. Se, invece, accade che le forze al potere facciano …

Leggi tutto

L’Onu è morta, viva l’Onu

«Oggi i paesi del G8 insieme fanno meno del 50% dell’economia mondiale, mentre noi vogliamo arrivare all’80%, in modo che il nuovo ‘super G’ possa essere l’istituzione cui rivolgersi e su cui contare per la governance dell’economia mondiale. Le Nazioni Unite sono pletoriche, non si riesce a decidere, altre istituzioni come la Banca Mondiale e il Fmi sono troppo burocraticizzate» …

Leggi tutto

Fame di mercato

Su AsiaNews un interessante e condivisibile articolo sulla tendenza, ormai assurta a riflesso condizionato, ad attribuire la colpa della mancata autosufficienza alimentare di alcune aree del pianeta alla “dottrina del mercato” elaborata dal ricco Occidente. Abituale vessillifero di questa critica è l’avvocato svizzero Jean Ziegler, che nel corso degli anni è riuscito a ritagliarsi una comoda nicchia di mercato quale …

Leggi tutto

Questione di spin

Ieri Romano Prodi si è issato sul palco dell’Assemblea Generale dell’Onu, per l’apertura dei lavori della nuova sessione annuale. Cosa sia questa istituzione, è abbastanza risaputo: di solito, un bello sfogatoio di terzomondismo ed antiamericanismo di maniera, oltre alla tribuna retorica più prestigiosa del pianeta. E così, Prodi ha appassionatamente perorato la causa della moratoria della pena di morte. Un …

Leggi tutto

Garantismo internazionalista

Le conclusioni del rapporto Onu sull’assassinio dell’ex premier libanese Hariri, avvenuto lo scorso 14 febbraio, appaiono indicare un’elevata probabilità di coinvolgimento dei servizi segreti siriani e libanesi, pur suggerendo la prosecuzione delle indagini, che dovrebbero essere auspicabilmente affidate alle autorità libanesi. Quest’ultime, secondo la relazione del tedesco Detlev Mehlis, sembrano in grado di condurre l’inchiesta in modo “efficace e professionale”, …

Leggi tutto

Il ritorno dell’Old Labour?

Quando si discetta amabilmente di produttività del settore pubblico, magari legando ad essa incrementi retributivi, come nel più classico specchietto per le allodole dell’elettorato, occorrerebbe sempre avere sottomano dei dati statistici, che permetterebbero di esprimersi con maggiore cognizione di causa. Nel Regno Unito, da un’analisi delle statistiche ufficiali effettuata da una casa d’investimento emerge che, nel secondo trimestre di quest’anno, …

Leggi tutto

Un Cancelliere sotto scacco

Se Gordon Brown è l’indiscusso erede alla successione della premiership di Tony Blair, gran parte del merito va alla sua provata abilità come Cancelliere dello Scacchiere. Il Labour ha impostato gran parte dell’ultima campagna elettorale enfatizzando (non senza ragione) i positivi risultati economici conseguiti in quasi un decennio. Tony Blair ha elogiato il suo collega, definendolo il miglior Cancelliere degli …

Leggi tutto

Blairismo e sinistra europea – 2

In Italia, l’emersione del fenomeno blairiano coglie la sinistra in una delle sue innumerevoli, abituali transizioni, quella causata dalla sconfitta elettorale del 1994, e che Andrea Romano definisce dell’“oltrismo”: l’aspirazione fumosa e confusa al superamento di comunismo e socialdemocrazia, che come un fiume carsico periodicamente riemerge nella elaborazione psicanalitica della sinistra italiana. Tale aspirazione, di fatto, era figlia del moralismo …

Leggi tutto

Resta aggiornato!

Iscriviti alla nostra mailing list e ricevi gli aggiornamenti nella tua casella email

Grazie! Riceverai una mail di conferma. In caso non avvenisse, ricordati di guardare anche nella cartella antispam

Uh-oh, qualcosa è andato storto!

Send this to a friend