Il settimanale – 12/5/2018

Dopo i marxisti per Tabacci, ecco quelli per il mercato: