Il dramma italiano, spiegato

Oggi sul Corriere c’è un articolo del bravo Federico Fubini che trae le mosse dalla trasferta americana del ministro dell’Economia, Vittorio Grilli, ma amplia il proprio orizzonte ad un po’ di aritmetica vitale per il nostro paese ed a quello che ci attende. Ed è la lettura obbligatoria del giorno.

Sulla dinamica del debito, Fubini spiega:

«Se ne parla così di rado che solo gli addetti ai lavori sanno cos’è. La crescita del Pil n0minale è il risultato di quella reale – di cui si parla di solito – più l’inflazione. Oggi questo dato è attorno allo zero, perché nel 2012 il Pil reale è caduto del 2 per cento e l’inflazione è salita di circa altrettanto. Questa è la ragione principale che attualmente spinge verso l’alto il rapporto numerico tra debito e Pil, perché il Pil resta appunto fermo mentre il debito tende a salire in modo inerziale per il solo fatto che gli interessi da pagare sono attorno al 5 per cento»

L’Italia, prosegue Fubini citando Grilli, ha bisogno di portare la crescita del Pil nominale al 3 per cento, per contrastare la tendenza alla autoalimentazione “spontanea” del rapporto debito-Pil. Basterebbe (e scusate se è poco, visto da qui ed ora) una crescita reale dell’1 per cento ed un tasso di inflazione del 2 per cento. A quel punto, con un avanzo primario del 4-5 per cento di Pil (cioè la differenza tra entrate e spesa pubblica, senza considerare quella per interessi), l’Italia riuscirebbe a piegare il rapporto debito-Pil.

Serve quindi, tornare “competitivi”, visto che il nostro paese ha perso nei 13 anni dell’euro il 30 per cento di competitività contro la Germania, ed il 20 per cento contro le media dell’Eurozona. Per fare ciò, spiega Fubini, ci sono due vie teoricamente percorribili, ma è l’avverbio che ci frega:

«La prima sarebbe aumentare molto gli investimenti per la produttività, ma in questa fase di credito difficile sembra una strada preclusa; la seconda invece è quella di ridurre i costi, a partire da quelli del lavoro, ed è proprio ciò che sta succedendo. Il continuo aumento della disoccupazione spinge chi cerca un posto ad accettare compensi sempre minori pur di lavorare, ridando così un po’ di competitività di prezzo alle imprese. Ma comprimere compensi e costi tramite disoccupazione e intanto centrare il 3 per cento di crescita nominale non è facile: è come camminare con una gamba in un senso, e con l’altra in quello contrario»

Esatto. E questo è ciò che leggete su questi pixel da molto tempo, giusto? Ora lo capite perché il capitolo finale de “La cura letale” si intitola “Torneremo poveri“?

A parte queste minuzie, bravo a Fubini ma non altrettanti complimenti si possono fare al Corriere, che ha scelto una collocazione interna ed un titolo forse un po’ troppo anodino per un tema di cui si dovrebbe parlare ogni giorno, per spiegare agli italiani cosa li attende davvero, al netto del teatrino sulle liste elettorali. Ma confidiamo che la goccia scaverà la roccia.

Sostieni Phastidio!

Dona per contribuire ai costi di questo sito: lavoriamo per offrirti sempre maggiore qualità di contenuti e tecnologie d'avanguardia per una fruizione ottimale, da desktop e mobile.

Per donare, clicca qui!